Commenti sul presente, speranze per il futuro

Non poteva mancare il mio commento sulla notte degli Oscar, che anche quest’ anno ho seguito in diretta. Innanzitutto, ho apprezzato il fatto che nessuno dei grandi film candidati sia rimasto a bocca asciutta: The Help, Midnight in Paris, Paradiso amaro, tutti hanno avuto le loro soddisfazioni. Ad essere precisi, ci sarebbero dei grandi titoli che sono rimasti a mani vuote (come Le Idi di Marzo e The tree of life), ma il loro destino era segnato dall’ inizio, vista la scarsità di nomination che avevano ottenuto. Quando ci sono 2 film favoriti rispetto a tutti gli altri, spesso ad uno vengono dati i premi più importanti, e all’ altro, per consolazione, tutti quelli di secondo piano: in anni recenti era successo ad esempio con The Aviator (5 Oscar modesti per un film modestissimo) e Million dollar baby (4 Oscar uno più pesante dell’ altro). Quest’ anno é avvenuto lo stesso con Hugo e The Artist: come giustamente diceva il commentatore di SKY, Hollywood da un lato ha rivendicato la propria superiorità tecnica, attribuendo tutti gli Oscar “da specialisti” ad un suo titolo, e dall’ altro ha riconosciuto di essere in una fase di stanca dal punto di vista dei contenuti, poiché per il secondo anno di fila ha consegnato i premi più incisivi ad un titolo europeo. E’ un vero peccato che l’ Italia non si sia fatta trovare pronta in questo periodo di apertura dell’ Academy nei confronti dei film stranieri, anche perché probabilmente non durerà a lungo. Un’ altra possibilità, quando ci sono 2 film in equilibrio nei valori e nei pronostici, é quella per cui uno viene premiato come miglior film e l’ altro come miglior regia: questo però é uno scenario decisamente più raro, perché i votanti dell’ Academy tendono ad esprimere lo stesso voto per tutte e 2 le categorie. Per quanto riguarda gli attori, anche quest’ anno ci sono stati degli attori fantastici che non hanno avuto soddisfazione: Viola Davis, Glenn Close, Nick Nolte, Max von Sydow sono tutti artisti pluricandidati che ancora una volta non hanno raccolto quanto seminato in tanti anni di carriera. Se per la prima siamo ancora in tempo a rimediare, per gli altri potrebbe essere stato l’ ultimo treno, o per limiti di età o perché abitualmente lavorano in pellicole lontane dai gusti dell’ Academy. Da segnalare anche il ritorno alla vittoria di Meryl Streep: negli ultimi anni mi era venuto il dubbio che non la premiassero a prescindere, invece vedo che la meritocrazia, così difficile da attuare in tanti altri campi, almeno nel cinema riesce ad imporsi. Anche in quest’ anno tutto sommato positivo ho visto premiati degli interpreti che in altri tempi non sarebbero stati nemmeno candidati. E’ una situazione a cui dobbiamo abituarci: se escludiamo qualche caso isolato, le ultime 2 generazioni non hanno offerto grandi talenti, e gli ultimi esponenti dell’ età dell’ oro recitano in film che non li valorizzano o si sono pressoché ritirati. Ci lasciano un filo di speranza per il futuro quei pochissimi professionisti (Clooney e Affleck su tutti) che, pur non avendo la maestria dei loro predecessori, hanno comunque l’ ambizione di diventare grandi, e di fare il salto (già riuscito ad Eastwood) da semplice attore ad autore a tutto tondo. Ci riusciranno? Ai posteri (e a voi) l’ ardua sentenza.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Commenti sul presente, speranze per il futuro

  1. cinemaleo ha detto:

    Concordo in pieno…

  2. Pingback: Buono come il pane, tondo come Babbo Natale | Milocca - Milena Libera

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...