Siamo tornati!

Image

Oggi sono state annunciate le candidature agli Oscar 2014. Non sono mancate le sorprese, in positivo e in negativo.
Le previsioni parlavano di una lotta tra American Hustle e 12 anni schiavo per il maggior numero di candidature: grazie ad un bel po’ di nomination tecniche, tra i due litiganti ha goduto anche un terzo film, Gravity.
A questo exploit fa da contraltare la delusione per 2 titoli che sembravano poter recitare un ruolo di primo piano: l’ ultimo dei fratelli Coen, A proposito di Davis, ha raccolto solo 2 candidature, e The Butler é rimasto addirittura a secco.
Passiamo adesso alle mie preferenze.
Partiamo dalle categorie miglior film & miglior regia: le considero in coppia, perché spesso vengono date allo stesso film. Ho gradito molto American Hustle, quindi avrei piacere che fosse questo titolo a trionfare… ma anche 12 anni schiavo sembra essere un gran bel film, quindi non mi scandalizzerei se fosse lui a prevalere. E ho la sensazione che andrà così, perché il suo concorrente più forte ha troppi detrattori per incassare i premi più importanti.
Per quanto riguarda l’ Oscar al miglior attore, nessuno lo merita più di Leonardo Di Caprio. Tra l’ altro potrebbe essere l’ ultima occasione per premiarlo, perché si é ritirato dalle scene: quando l’ ha annunciato nessuno ci ha creduto e la cosa é caduta nel vuoto, ma nel frattempo sono passati i mesi e di lui continuano a non esserci tracce. Che dicesse sul serio?
Come migliore attrice vorrei che fosse premiata Amy Adams, ma non mi faccio illusioni: é una lotta a due tra Cate Blanchett e Judi Dench. L’ unico dettaglio che potrebbe far pendere la bilancia dal suo lato é il fatto che, delle 5 nominate, la Adams é l’ unica a non aver ancora vinto. Ma se anche i giurati facessero questo ragionamento, subito dopo penserebbero: “Per forza, é la più giovane: lo vincerà più avanti.”
Tra gli attori non protagonisti voterei per Jared Leto. Il talento ce l’ hanno in tanti, il carisma in pochissimi: lui é uno di questi pochi eletti. In più é un cantante di successo: questo rivela che é un artista completo e possiede un’ intelligenza non comune, indispensabile per affermarsi ad alti livelli in diversi campi.
Nessuna delle attrici non protagoniste mi ispira un tifo sfegatato. Julia Roberts e Jennifer Lawrence mi piacciono, ma hanno già vinto; le altre 3 non posso tifarle, perché mi sono accorto solo oggi della loro esistenza.
Per quanto riguarda le categorie tecniche, faccio un accenno all’ unica per la quale mi sento un minimo competente, la fotografia. Quest’ anno sono in gara due talenti assoluti, Emmanuel Lubezki e Roger Deakins, e credo che vincerà il secondo. Prima di tutto perché é alla sua undicesima nomination in 19 anni, le precedenti 10 sono andate tutte a vuoto e questa storia non potrà durare in eterno; in secondo luogo perché quest’ anno sembra che vogliano farlo vincere a tutti i costi. Da cosa lo deduco? Prisoners non ha nessun’ altra candidatura: sembra che la nomination alla fotografia l’ abbiano fatta apposta per lui.
Accolgo con piacere la notizia che l’ Italia é tornata a concorrere per l’ Oscar con La grande bellezza. Non l’ ho visto, ma ovviamente da italiano non posso che tifare per il mio paese.
Concludo con due auspici. Il primo é che Il grande Gatsby non resti a bocca asciutta, perché sarebbe un delitto lasciare a mani vuote un’ opera così incantevole. Può vincere per i costumi e la scenografia: avrebbe meritato molte più candidature, ma é meglio di niente.
Il secondo é che Russell vinca, se non per la regia, quantomeno per la sceneggiatura. E’ uno dei talenti più fulgidi della nuova generazione, e Hollywood deve assolutamente certificare il suo debordante talento con un premio altrettanto prestigioso.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

28 risposte a Siamo tornati!

  1. Sonia Esse ha detto:

    Che articolo dettagliato, io sono anni che non seguo più la tv però 🙂

    • wwayne ha detto:

      Anch’ io la seguo pochissimo. Adesso in tv guardo solo i Robinson. K2 (canale 41 del digitale terrestre) li trasmette tutti i giorni dalle 22,30 in poi, e io almeno una puntata al giorno non me la faccio mai mancare. E’ stupefacente constatare come, ad oltre 20 anni da quando sono stati girati, gli episodi di quel telefilm siano ancora perfettamente godibili: non succede quasi mai con le serie comiche, di solito sono quelle che invecchiano prima e peggio.
      Evidentemente i Robinson si sono mantenuti bene e hanno resistito meglio perché c’era dietro un genio comico assoluto, il grande Bill Cosby, e un cast di grande talento e in perfetta sintonia con lui.
      Fino a qualche mese fa guardavo anche Happy Days, ma poi quest’ Estate SKY ha deciso di rimuoverlo dalla programmazione. Adesso ha ricominciato a trasmetterlo, ma all’ una di notte, il che equivale a non programmarlo. E’ un vero peccato che SKY non creda in questa serie, perché é un telefilm di notevole spessore. Anche le ultime stagioni, quelle che secondo molti fan sono i peggiori della serie, sono comunque di buona (quando non ottima) qualità. E poi diciamocelo, Fonzie ha un tale carisma che non importa se tutto il resto é scialbo, basta metterlo sulla scena e hai già creato uno spettacolo. Grazie mille per i complimenti e per il commento! : )

    • wwayne ha detto:

      Hai fatto benissimo! Buona giornata, e a presto! : )

  2. lapinsu ha detto:

    Come sai non sono molto affezionato agli Oscar.
    Li considero il tripudio della marchetta, dove politica lobbies e amicizie contano molto più delle proprie capacità. Solo così potrei spiegare i capolavori di Spielberg ignorati prima di dargli il meritato oscar, o del perchè all’Academy continuino a far finta che Nolan e i suoi film favolosi non esistono. Ma tant’è, questa è hollywood.
    Detto questo, non posso esprimermi sui principali film in gara perchè non li ho visti, nemmeno il tanto acclamato Gravity. Confesso di avere qualche riserva su 12 anni schiavo, ma semplicemente perchè il tanto osannato McQueen non è proprio nelle mi grazie.
    Mi esprimo invece con cognizione di causa sui film stranieri: ho visto “La grande bellezza” e non mi è piaciuto. Come ho scritto nel mio blog, l’ho trovato vanesio e barocco un mero esercizio con cui Sorrentino ha voluto dirci: “visto come sono bravo”. Ho invece visto e ammirato “The Hung”, Il Sospetto: film veramente bello di cui consiglio la visione e che a breve recensirò anche perchè merita davvero.

    • wwayne ha detto:

      Spielberg ha provato a fare il salto da regista di intrattenimento ad autore con la A maiuscola: essendo un uomo di grande intelligenza, qualche ciambella gli é riuscita con il buco ed é stata premiata con l’ Oscar, ma generalmente parlando i film d’ autore non sono la sua vocazione. Il film con cui voleva vincere tutto l’ anno scorso, Lincoln, ha ribadito questo concetto in modo definitivo.
      Anch’ io ho visto pochi film tra quelli in gara: Iron Man 3, Il grande Gatsby e American Hustle. Rispecchiano 3 generi sempre di moda: il blockbuster fracassone, il film d’ autore raffinato e sfarzoso e il film di mafia.
      Pur avendone visti pochi, la qualità media dei film candidati mi sembra molto alta: ci sono solo 3 titoli che non guarderei nemmeno pagato (Gravity, Her e Nebraska).
      Ho cercato Il sospetto sul sito di SKY, e mi sono mangiato le mani: lo danno soltanto stasera, ma sono a cena fuori e non posso assolutamente liberarmi. Spero che la nomination induca SKY a proiettarlo un’ altra volta.
      E a proposito di SKY, nei prossimi giorni darà 2 film che hai recentemente stroncato nel tuo blog: Jimmy Bobo e Broken City. Attendo con ansia soprattutto il primo: non solo perché Stallone é sempre Stallone, ma anche perché il fumetto da cui é tratto il film é un vero capolavoro. Grazie per il commento! : )

      • lapinsu ha detto:

        Vado per gradi:
        THE HUNT devi vederlo. Non hai il my-sky?
        JIMMY BOBO: se ti piace il fumetto, temo che allora ti farà pure più schifo di quanto l’abbia fatto a me
        QUALITA’ FILM DEGLI OSCAR: si, quest’anno il livello sembra più alto dell’anno scorso, ma va anche riconosciuto che bastava poco…

    • wwayne ha detto:

      Purtroppo non ho il my-sky. Sono d’ accordo sul fatto che l’ anno scorso il livello dei film candidati e premiati era molto più basso. Penso che ci sia un dato che più di tutti fotografa questo miglioramento: l’ anno scorso un filmaccio come The Master ha ottenuto 3 candidature importanti, quest’ anno un filmone come Il grande Gatsby ne ha raggranellate solo 2, per di più in categorie minori.
      Del resto con gli Oscar é così, un film bello per essere premiato nella giusta misura deve anche capitare nell’ anno giusto. Ci sono tanti film bellissimi che a suo tempo presero un solo Oscar e oggi ne prenderebbero 10. Ne cito 3 in particolare:

      – La dolce ala della giovinezza (attore non protagonista);
      – Profumo di donna (attore protagonista);
      – In mezzo scorre il fiume (fotografia).

      Gli ultimi 2 in particolare mi fanno ribollire il sangue, perché uscirono nello stesso anno e furono entrambi trascurati a vantaggio de “Gli spietati”: un titolo al quale, con tutto l’ affetto che nutro per Clint, stava già larga la nomination. E la lista di film ingiustamente incornati da “Gli spietati” non finisce qui: quell’ anno c’erano anche Basic Instinct, Codice d’onore, L’ultimo dei mohicani…
      Ti vengono in mente altri film premiati troppo o troppo poco?

      • lapinsu ha detto:

        Tra i premiati troppo sicurametne Titanic e Il signore degli anelli.
        Ho trovato il primo stucchevole e il secono noioso e raccontato male.
        Ricordo invece che JFK di Stone fu snobato dagli Oscar, però per me resta un gran film.
        Per non parlare di Sleepers: nemmeno nominato nell’anno in cui vinse quel polpettone de “Il paziente inglese”…

    • wwayne ha detto:

      Non ho visto Il paziente inglese, ma so che il regista é lo stesso di Ritorno a Cold Mountain: é evidente che tra voi due c’é un’ incompatibilità totale. : )
      Ricordo che, quando recensisti Fire with fire, scrivesti che prendere Bruce Willis per fargli fare un ruolo così insulso era uno spreco enorme, come prendere il Ferrari per andare al supermercato.
      Ebbene, in uno dei film candidati quest’ anno (Her) sono riusciti a fare uno spreco ancora più gigantesco: hanno ingaggiato Scarlett Johansson, e ne hanno utilizzato solo la voce… da arresto! : )
      Oltre a Il sospetto, altri film candidati che voglio vedere sono 12 anni schiavo, Dallas Buyers Club e I segreti di Osage County. Aspetto a gloria soprattutto l’ ultimo: sai bene che ho un debole per i film a tematica familiare. Tu invece cosa vorresti vedere?

      • lapinsu ha detto:

        Mi sa proprio che io e Minghella viaggiamo su universi troppo distanti ahahahah.
        Guarda il Paziente Inglese non è brutto come Cold Mountain, però c’è un abisso rispetto a Sleepers, un autentico CAPOLAVORO in tutti i sensi.

        Tornando ai film di quest’anno, penso che vedrò:
        – American Hustle: già lo volevo vedere, ma la tua rece mi ha incuriosito a bomba!!!!
        – The Wolf of Wall Street: Scorsese + DiCaprio vanno guardati sempre
        – Dallas Buyers Club: nel trailer ho intravisto i prodromi del filmone, spero di non sbagliarmi
        – Gravity, questo però è in forse. Non amo la Bullock e ho letto critiche talmente entusiaste che già so ne rimarrò deluso…

        PS: mi auguro che questo fantomatico ritiro di DiCaprio (per altro su IMDB l’ultimo film che gli accreditano è proprio The Wolf of Wall Street) sia solo temporaneo, magari una manovra becera per strappare l’Oscar. Lui è bravo forte, non può ritirarsi così giovane!!!
        PPS: il tizio che ha preso Scarlett per usarne solo la voce andrebbe rinchiuso in un cinema d’essai senza acqua a vedere i film di Vanzina a ciclo continuo

    • wwayne ha detto:

      Concordo in pieno. A presto! : )

  3. lapinsu ha detto:

    ah, dimenticavo: mi aspettavo qualche nomination per Rush.
    Io non l’ho visto, ma conosco parecchie persone che ne sono rimaste entusiaste, anche persone poco avvezze a film del genere…poco amanti di film di quel tipo…

    • wwayne ha detto:

      Questa é una qualità tipica dei grandi film: la capacità di attirare e convincere qualsiasi tipo di pubblico, anche quello che parte con dei pregiudizi negativi.
      Per esempio, entrambi detestiamo i film a metà tra dramma e commedia, eppure ad entrambi Quasi amici é piaciuto moltissimo.
      Un altro esempio: credo che quasi tutti gli spettatori abbiano guardato The Artist pensando “E’ muto, é in bianco e nero, non mi piacerà di sicuro.” Ebbene, sono convinto che molti di loro si saranno ricreduti dopo soli 5 minuti.
      I grandi film conquistano chiunque li guardi, indipendentemente dai suoi gusti, dalla sua età, dalla sua cultura eccetera.
      Chiaramente i titoli così riusciti si contano sulle dita di una mano. Molti di questi sono emersi quando pubblicasti il post sui tuoi film preferiti: nei commenti io e tanti altri facemmo anche noi una nostra classifica, e in molti casi i titoli coincidevano, ciascuna lista aveva almeno un nome in comune con l’ altra. Fu davvero bello vedere che su tanti titoli eravamo tutti sulla stessa lunghezza d’ onda. A presto! : )

  4. Man from Mars ha detto:

    Io mi segno tutto: con i miei tempi penso che vedrò questi film tra un buon paio d’anni, il tempo che arrivino in TV… Ci credi che non ho visto UNO! Neanche uno di quelli che hai citato… Che vergogna!
    Attendo tue recensioni 🙂 indipendentemente dai risultati degli Oscar.

    • wwayne ha detto:

      Anche a me capita di recuperare tanti film grazie alla tv. Di tutti i titoli che ho nominato nel post e nei commenti, i migliori sono senza dubbio Profumo di donna e In mezzo scorre il fiume: il primo é relativamente conosciuto perché ha fruttato ad Al Pacino il suo unico Oscar, mentre il secondo é ingiustamente ignorato anche da cinefili di grande cultura. Te li raccomando entrambi ad occhi chiusi.
      E’ altamente probabile che io pubblichi altre recensioni nelle prossime settimane: tra C’era una volta a New York, Il procuratore, Dallas Buyers Club eccetera almeno un film degno di post dovrebbe esserci. Grazie per il commento! : )

      • Man from Mars ha detto:

        Profumo di donna l’ho visto e rivisto: un grandissimo Al Pacino senza dubbio. In mezzo scorre il fiume (ovviamente) mi manca ma mi impegnerò per seguire il consiglio. Tra i recenti, che vedo nominati nel post, sicuramente vorrei vedere Rush, forse Gravity e American Hustle. Grazie dei consigli, ti tengo d’occhio per le prossime recensioni: ormai sei nel mirino dei miei feed RSS!

    • wwayne ha detto:

      E la cosa mi fa molto piacere! A presto Man from Mars! : )

  5. mchan84 ha detto:

    Ieri ho visto The Butler e mi è piaciuto moltissimo. Quando sono uscita dalla sala (stranamente stracolma) ho pensato che una nomination all’oscar, soprattutto per i due interpreti principali, non gliela avrebbe tolta nessuno. Invece ora leggo che non ne ha nemmeno mezza. Peccato.
    Dei film nominati non ne ho visto nemmeno uno. Però sempre ieri ho visto il trailer di Dallas Buyers Club ed ho trovato Jared Leto stupefacente. Per cui anche se non mi piaccia per nulla Matthew McConaughey penso che se ne avrò l’occasione lo andrò a vedere.
    Per l’oscar come attrice ad Amy Adams ed il fatto che sia giovane: in fondo l’anno scorso l’ha vinto la Lawrence che era molto più giovane.
    Non ho ancora visto The wolf of Wall Street, ma secondo me DiCaprio l’oscar lo doveva ricevere già anni fa. Anche se non è che mi piaccia moltissimo non posso negare che negli ultimi tempi abbia fatto una prova meglio dell’altra, ma si direbbe che quelli dell’Academy abbiano dei pregiudizi nei suoi confronti. Staremo a vedere.
    Mchan

    • wwayne ha detto:

      Spero che in futuro la Adams riesca a vincere l’ Oscar, ma non ne sono affatto certo. Come ho scritto nel mio post, quest’ anno parte da sfavorita perché le stanno davanti i due mostri sacri Blanchett e Dench: il guaio é che ci saranno SEMPRE almeno uno o due mostri sacri a romperle le uova nel paniere, e quindi non é affatto scontato che lei riesca prima o poi ad aver ragione della concorrenza. Stavolta ci sono la Blanchett e la Dench, magari la prossima volta ci sarà Helena Bonham Carter, Glenn Close, Viola Davis o chi per loro.
      Mi fa molto piacere che per un film non mainstream e non uscito di recente come The Butler tu abbia trovato la sala stracolma.
      Io quest’ anno sono stato al cinema già 3 volte (ho visto nell’ ordine American Hustle, Il grande match e Un boss in salotto), e in tutti e 3 i casi gli spettatori erano circa 20. Una cifra molto lontana da quella di The Butler, ma anche dal mio record negativo di 2 spettatori (io e mio padre), registrato quando andai a vedere Ipotesi di reato nel 2002. Qual é stato il tuo record negativo e positivo di spettatori?

      • mchan84 ha detto:

        Di sicuro quest’estate in sala eravamo circa una decina sia per Wolverine che per Now you see me. Anche se era di venerdì sera, io di solito vado al pomeriggio, il sabato o la domenica. E poi il 6gennaio eravamo solamente in 8 per Frozen, di cui 4bambini. Altri record negativi non li ricordo.
        Di positivi ne ricordo di sicuro 3: ormai quasi 20anni fa andai a vedere Titanic, di sera, e la sala era stracolma. Alcuni erano addirittura seduti sugli scalini, a discapito di ogni normativa sulla sicurezza. Poi quando è uscito Madagascar 2, sala pienissima ed infine lo scorso marzo per Il grande e potente Oz, sebbene fosse il terzo weekend di programmazione.
        Per The Butler io sono stata abbastanza felice che, oltre ad essere piena la sala, la percentuale degli spettatori fosse intorno alla trentina. Segno che ai giovani non piacciono solamente i Blockbuster.
        Mchan

    • wwayne ha detto:

      Quando ho chiesto ad altri bloggers quale fosse il loro record negativo, ho ricevuto delle risposte sorprendenti, perché quasi tutti mi hanno citato dei film di grande successo: Matrix (1 spettatore), Batman Begins (2), Il ritorno del re (4)… probabilmente questi film erano così attesi che tutti hanno voluto vederli il week – end stesso dell’ uscita, e quindi chi li ha visti qualche settimana dopo si é trovato in una sala deserta per questo motivo.
      Sono d’ accordo sul fatto che il pubblico giovane e meno giovane si stia orientando in modo sempre più deciso verso il cinema di qualità. Il declino dei cinepanettoni, iniziato ormai da qualche anno, é stato il primo e più clamoroso segnale in questo senso. Lo scorso fine settimana, per farti un altro esempio, un film d’ autore come Il procuratore ha incassato quasi il doppio del film – parodia Angry Games. Speriamo di continuare su questa strada. Grazie per i commenti! : )

  6. Moralia in lob ha detto:

    OFF TOPIC

    Ho ascoltato parte della musica che mi hai consigliato, ma sono dolente comunicarti che non mi è piaciuta. Io e gli anni Ottanta siamo incompatibili. Per me il miglior disco anni ’80 è Nebraska di Springsteen, pezzi intimisti che videro la luce mentre fuori c’era il diluvio dance.
    Buona domenica

    • wwayne ha detto:

      Se ami il Boss allora devi assolutamente far visita al mio amico http://lapinsu.wordpress.com/: l’ anno scorso ha scritto una serie di post su come la musica di Springsteen abbia influenzato la sua vita, e sono uno più bello e commovente dell’ altro. Buona Domenica anche a te, e grazie per il commento! : )

  7. Biagiochi? ha detto:

    Di Caprio DEVE avere quella statuetta. Concordo!

    • wwayne ha detto:

      Se proprio deve perderla, spero che sia a vantaggio di Matthew McConaughey. In Dallas Buyers Club ha fornito una prestazione di altissimo livello. Grazie per il commento! : )

  8. Riccardo227 ha detto:

    Letto il tuo articolo. Molto interessante. La lotta per il miglior film a mio parere se lo gioca 12 anni schiavo e American Hustle. Per quanto riguarda il miglior attore, Di Caprio se lo merita, anche se in questa settimana esce il film di McQueen, e sono curioso dell’interpretazione di Ejiofor. Sarò di parte (è vero), ma l’Oscar per la migliore attrice DEVE andare alla Lawrence, mentre a mio giudizio Cate Blanchett non ha rivali nella sua categoria, nonostante la bella performance di Amy Adams.

    • wwayne ha detto:

      L’ Oscar al migliore attore é una lotta a due tra Di Caprio e McConaughey. Se dovessimo giudicarli in base alla carriera non ci sarebbero dubbi, l’ Oscar dovrebbe andare al primo; se invece dovessimo basarci sulla singola interpretazione, probabilmente McConaughey avrebbe una marcia in più. E’ uno degli Oscar più incerti di quest’ anno, dipenderà tutto da come ragioneranno i giurati.
      Come ho scritto nel mio post, l’ Oscar alla migliore attrice spero che vada ad Amy Adams. Non solo perché la ritengo un’ ottima attrice, ma anche perché non mi piacciono gli Oscar “ripetuti”: per divi pluripremiati come Cate Blanchett, Meryl Streep o George Clooney un riconoscimento in più o in meno non fa nessuna differenza, mentre invece per un’ attrice ancora a secco come la Adams sarebbe un premio molto più sentito.
      Per quanto riguarda la Lawrence, ritengo che non abbia bisogno di un ulteriore Oscar per consolidare la sua ascesa, é comunque chiaro come il sole che siamo di fronte ad un’ attrice perennemente toccata dalla grazia. Grazie mille per i complimenti e per il commento! : )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...