Oscar 2017: l’impossibile è diventato realtà

Come ho confessato in un mio vecchio post, sono cresciuto guardando film d’azione. E sin da quando ero adolescente, ho maturato la consapevolezza che quei film, per quanto fossero ben diretti, ben interpretati e ben sceneggiati, non avrebbero mai avuto alcuna chance di vincere l’Oscar. Quelle porte gli venivano sbarrate a prescindere, perché i giurati dell’Academy preferivano dei film più eleganti, più raffinati, in una parola: più da Oscar. Di conseguenza, potete immaginare la gioia che ho provato quando ho visto che questo tabù è finalmente caduto: Suicide Squad, uno dei film d’azione più tamarri degli ultimi anni, ha vinto l’Oscar per il miglior trucco. E’ stato un evento secondario nella notte delle premiazioni, che molti non avranno notato o avranno accolto con irritazione, ma per me è stata davvero una bellissima sorpresa.
Altri due film per cui facevo il tifo erano Silence e La battaglia di Hacksaw Ridge. Il primo è rimasto a mani vuote, ma il secondo è riuscito a strappare due Oscar a La La Land, e quindi direi che ha ottenuto il miglior risultato possibile.
Proprio La La Land è stato il grande sconfitto della serata. Sembrava che potesse battere addirittura il record di Oscar ottenuti da un singolo film, invece ne ha ottenuti “solo” 6, e soprattutto ha mancato quello per il miglior film, che sembrava assolutamente scontato. Tra l’altro quella statuetta gli è stata soffiata in modo decisamente controverso: il premio lo consegnavano Warren Beatty e Faye Dunaway, ai quali era stata consegnata la busta sbagliata (c’era scritto Emma Stone for La La Land, quindi era quella per la miglior attrice). Di conseguenza loro hanno letto quella, e soltanto in un secondo momento, mentre i produttori di La La Land stavano già facendo il discorso di ringraziamento, è saltato fuori il clamoroso errore: aveva vinto Moonlight. Insomma, una figuraccia epica.
So che sto per esprimere un parere impopolare, ma onestamente non mi strappo i capelli per la mancata vittoria di La La Land, perché a mio giudizio è un film sopravvalutato. Certo non quanto altri titoli premiati negli ultimi anni (La teoria del tutto, The Danish Girl e soprattutto Mad Max), ma sempre di apprezzamento esagerato si tratta.
E forse è proprio il troppo amore per questo film che ha tarpato le ali a La La Land: l’Academy ha voluto dimostrare di non essere schiava dei gusti del pubblico, e ha scelto di premiare apposta qualsiasi altro film fuorché quello.
Per quanto riguarda gli altri premi, l’unico che mi è balzato agli occhi è quello a Viola Davis: un’attrice straordinaria che meritava il premio da molti anni, e che finalmente è riuscita a coronare il suo sogno. Ma è inevitabile che la sua favola, in un contesto di grande delusione per La La Land, passerà assolutamente in secondo piano.
Insomma, tutto sommato la notte degli Oscar mi ha soddisfatto, e probabilmente sarò uno dei pochi appassionati di cinema a poterlo dire. E voi, cosa ne pensate di queste folli premiazioni?

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

91 risposte a Oscar 2017: l’impossibile è diventato realtà

  1. Vincenzo ha detto:

    Beh, grande topica dell’Academy (mio commento su twitter “La La Beffa”, e ci metto il copyright 😁); per il resto, peccato per Fuocoammare; anch’io contento per le due statuette a Hacksaw Ridge.

    • wwayne ha detto:

      Quindi sei un buongustaio anche in fatto di film, e non solo di musica! 🙂
      Scherzi a parte, nel mio post di stamani pensavo che l’Academy avesse bocciato La La Land come provocazione nei confronti del pubblico, ma poi ho letto un articolo (http://www.mymovies.it/film/2016/moonlight/news/oscar-perfetto-per-la-politica/) che avanza un’ipotesi più probabile: in realtà è la premiazione di Moonlight ad essere una provocazione nei confronti di Trump, perché quel film è in pratica un’enciclopedia di tutto ciò che il presidente USA detesta. Insomma, un premio palesemente politico, un po’ come quando l’Academy decise di premiare la favola di The Millionaire sull’onda dell’ottimismo Obamiano.
      Visto che siamo entrambi degli appassionati di musica, ti lascio una canzone (inclusa proprio nella colonna sonora di Suicide Squad):

      Grazie per il commento! : )

      • Vincenzo ha detto:

        beh, ti dirò che è una delle mie canzoni preferite, diciamo tra le prime 3 in assoluto…
        ad ogni modo, confesso di essere molto più cinefilo che musicofilo… ed infatti i miei gusti musicali seguono molto la mia passione per i film, tipo che ascolto soprattutto colonne sonore & co.
        grazie a te, ciao

  2. cazzeggiodatiffany ha detto:

    Aspettavo il tuo articolo!! 😃

  3. lapinsu ha detto:

    Anche io sono stato contento che La La Land non abbia fatto il botto:
    se è vero che le 3 statuette più importanti sono
    miglior film
    miglior regia
    miglior sceneggiatura

    La La land ne ha perse 2 su 3 e le molte vittorie su categorie tecniche non possono colmare questa lacuna.

    Di fatto, quest’anno non c’è nessun gran vincitore: le 3 categorie suddette sono state equamente divise tra Moonlight, La La Land e Manchester by the sea, segno che c’è stato equilibrio tra le pellicole. Purtroppo non avendo visto nessuno di questi film non so se l’equilibrio sia livellato verso l’alto o verso il basso.

    Dei film in concorso ho praticamente visto solo Arrival: film bellissimo, tra i migliori che abbia visto in questa decade. Purtroppo è un film di fantascienza e questa categoria (ancor più della da te citata categoria dei film d’azione) è sempre bistrattata agli Oscar, anche quando sforna pellicole sopraffine come Arrival (o qualche anno fa Interstellar).
    A mia memoria l’unica volta che una pellicola sci-fi ha avuto visibilità agli oscar fu con Gravity, dove per altro l’elemento fantascientifico è del tutto marginale perchè al centro del film c’è il discorso umano e psicologico della protagonista.

    • wwayne ha detto:

      Non ci avevo fatto caso, ma hai ragione: sembra che Moonlight e La La Land siano stati i duellanti della serata, ma in realtà l’Academy è stata indecisa tra ben 3 pellicole, dato che anche Manchester by the sea (classico film da Oscar) ha fatto breccia nei cuori dei giurati.
      Alla fine tra i 3 l’ha spuntata Moonlight: come ho scritto nel post, secondo me La La Land è piaciuto troppo al pubblico, e quindi la critica ha voluto dimostrare di essere superiore al giudizio popolare. Mai sottovalutare lo snobismo dell’Academy.
      Poi, come ho scritto in un commento sopra, c’era anche il fattore – Trump: Moonlight racconta una storia che non potrebbe essere più irritante per un repubblicano fin nel midollo come lui, e quindi premiare quel film è stato un modo dei giurati per lanciargli l’ennesima bordata.
      Ad ogni modo, non è la prima volta che l’Academy dimostra di aver apprezzato tanto ben 3 pellicole: anche l’anno scorso aveva “sparpagliato” i premi tra Il caso Spotlight, Revenant e Mad Max. Tuttavia, le analogie si fermano qua: l’anno scorso c’era un livellamento verso il basso, quest’anno invece la qualità media delle pellicole mi sembra molto alta. Lo dico basandomi non tanto su La La Land (sul quale sai come la penso), quanto sul fatto che due filmoni come Silence e La battaglia di Hacksaw Ridge da soli basterebbero a salvare l’annata.
      Tornando allo snobismo dell’Academy, quel che dici è verissimo: i film di fantascienza ne sono rimasti vittima innumerevoli volte. Proprio non capisco il perché di questo evidente ostracismo: forse ad Hollywood pensano che soltanto i film “realistici” meritano di venire presi in considerazione, e tutti gli altri sono prodotti di evasione, buoni soltanto per passare due ore nel mondo dei sogni. Non sanno quello che si perdono… grazie per il commento! : )

      • lapinsu ha detto:

        Anche io ho pensato all’effetto TRUMP sulla scelta finale di far vincere Moonlight.
        Comunque, poco male: come te, ho l’impressione che il livello medio delle pellicole in gara sia molto più anno rispetto all’anno passato (ma anche a quelli precedenti) e non vedo l’ora di recuperare tutti questi film (soprattutto Manchester By The Sea, che ha vinto la categoria più interessante per me, ovvero la miglior sceneggiatura).

      • wwayne ha detto:

        Ricordo il tuo strano interesse per Manchester by the sea. Dico strano perché è chiaramente un film autorale e depresso, lontano dai tuoi gusti abituali. Ma ogni tanto capita anche a me di avere un sesto senso che mi attira verso film che normalmente schiferei, e di solito questo istinto non mi tradisce. Ti auguro che non ti tradisca neanche il tuo! : )

      • lapinsu ha detto:

        Effettivamente l’attrazione per Manchester by the sea è strana.
        Non conosco bene il regista, di solito evito la Williams (sarà pure brava, ma le sue pellicole sono solitamente di una barba mortale) e Affleck Jr. non mi fa nè caldo nè freddo (pur riconoscendo il suo talento fin dal datato Gone baby gone).
        Eppure questo film mi ha sempre stuzzicato, pur non potendo non riconoscere la natura autorale (speriamo non intellettualoide) che lo contraddistingue.
        Il fatto poi che abbia vinto la categoria da me più amata (miglior sceneggiatura) mi obbliga assolutamente a vederlo.
        D’altronde feci lo stesso l’anno scorso con “La grande scommessa”: di solito evito sti film sui soldi e la finanza perchè mi annoiano (come poi puntualmente accaduto anche con questo) però se ha vinto quell’Oscar lì io devo vedere, è più forte di me.

        Spero solo che Manchester by the sea non mi deluda…

      • wwayne ha detto:

        A me invece stuzzicano molto i titoli che vincono i premi agli attori non protagonisti: come sai, adoro i film con dei comprimari di spessore. Quest’anno tuttavia salterò: quei premi sono andati a Moonlight e Barriere, che sono anch’essi due film depressi e quindi totalmente al di fuori dei miei gusti cinematografici. Corro a commentare il tuo divertentissimo post (https://lapinsu.wordpress.com/2017/02/27/oscar-2017-tutti-i-vincitori/)! : )

      • lapinsu ha detto:

        si, effettivamente Moonlight e Barriere promettono noia a profusione..
        Però una chance potrei dargliela, sopratutto al secondo, perchè son curioso di vedere cosa ha combinato il mitico Denzel dietro la macchina da presa 🙂

  4. pizzaDog ha detto:

    A parte La La Land e Arrival, quest’anno non sono riuscito a vedere nessuno dei film candidati all’Oscar [almeno i favoriti per le categoria principali].
    Per quanto mi sia piaciuto LaLa sono contento anch’io che non abbia fatto il botto. Non tanto per il film in se, ma perché non è mai bello ne soddisfacente [e spesso anche irrealistico] quanto un film si porta a casa tutti i premi.

    Sono contento per Emma Stone, una giovane grande promessa che si è meritata la sua statuetta [anche se a parer mio questa non era la sua miglior performance], per Zootropolis [la Disney vince sempre l’Oscar, ma almeno stavolta se l’è guadagnata] e in fondo anche per Suicide Squad. Il film l’ho detestato ma tra i tre candidati per i miglior costumi era obbiettivamente il migliore.
    Non sono contento invece per il premio agli effetti speciali. Per me lo doveva vincere Rogue One o alla peggio Doctor Strange.

    • wwayne ha detto:

      L’anno scorso il premio per gli effetti speciali lo vinse Ex machina: se non l’hai visto recuperalo, è un filmone. Tra i candidati all’Oscar 2016 è uno dei pochi film che ho apprezzato, insieme a Trumbo e La grande scommessa.
      Anche tra i candidati di quest’anno rintraccio soltanto 3 titoli che mi hanno convinto: Suicide Squad, Silence e La battaglia di Hacksaw Ridge. Ne ho visti altri due (La La Land e Hell or high water), ma li ho apprezzati molto meno.
      So bene che “Suicide Squad mi è piaciuto molto più di La La Land” è un’affermazione clamorosa, ma chiaramente va contestualizzata: Suicide Squad prova ad essere un buon film di genere e ci riesce in pieno, La La Land prova ad essere un capolavoro e fallisce clamorosamente. Almeno per me. Forse con un finale più lieto sarei stato più indulgente, dandogli 3 stelle anziché 2, ma non avrei gridato al capolavoro neanche in quel caso: ci sono davvero troppe scene che non funzionano.
      Penso ad esempio alla scena in cui Emma Stone torna a casa, e trova Ryan Gosling che le prepara la cena romantica a sorpresa: sembra il preludio ad una scena deliziosa, invece i due cominciano a litigare e rovinano tutto.
      Oppure la scena al planetario: era già romantica così, non c’era bisogno di aggiungervi la nota surreale dei due protagonisti che cominciano a volteggiare nell’aria.
      L’unica scena della quale Chazelle è riuscito a sfruttare tutto il potenziale è la prima: la canzone è splendida, e il contesto in cui gli attori la cantano la rende ancora più piacevole.
      Condivido pienamente la tua avversione per i film “cannibali”, che alla notte degli Oscar arrivano a raccogliere addirittura una decina di premi, e hai ragione anche quando dici che è irrealistico che un film sovrasti tutti gli altri in una decina di categorie. Quando succede vuol dire che si è deciso di incoronarlo a prescindere, e questo ridimensiona il suo valore invece di esaltarlo. Grazie per il commento! : )

  5. ambryword ha detto:

    Ancora devo vederlo! Tutti me ne parlano benissimo!!!

  6. Daniele Artioli ha detto:

    Ho perso il momento della gaffe perchè ero talmente stanco che appena hanno annunciato La la land ho spento e sono andato a letto…
    Cmq sono abbastanza soddisfatto; il livello di quasi tutti i film quest’anno è stato talmente alto che non mi ha disturbato la vittoria di uno piuttosto che di un altro. Uniche eccezioni: Kubo che doveva vincere assolutamente, Manchester by the sea che, al contrario, per me non meritava (oh a me proprio non è piaciuto), e Suicide Squad; mi spiace, ma l’idea che quella porcheria possa vantare un oscar, per quanto minore, e il Marvel cinematic universe invece no pur avendo fatto dei film bellissimi proprio non mi va giu.
    Per il resto credo sia stata un’edizione molto, troppo, politicizzata.

    • wwayne ha detto:

      Sono d’accordo. E lo dico nonostante il mio scarso apprezzamento per La La Land: anche se a farne le spese è stato un film che non mi è piaciuto, non è mai un bene quando la politica “invade” il cinema. Speriamo che i giurati dell’Academy si fermino qui, e non decidano di votare in funzione anti – Trump anche nelle prossime edizioni. Grazie per il commento! : )

      • Daniele Artioli ha detto:

        Esatto, e non dimentichiamo che gli stessi che quest’anno si sono eretti a paladini e difensori delle minoranze sono gli stessi che l’anno scorso si sono beccati l’accusa di razzismo per gli “Oscars So White”. Non fraintendere, ma mi sembra che seguano un po’ il vento che tira, e questa cosa gli fa perdere un po’ di credibilità, almeno ai miei occhi.
        Ciò non toglie, ovviamente, che sia stato molto contento per Moonlight e per Viola Davis, e avrei dato il premio anche a Denzel Washingotn, in “Barriere” è un titano!

      • wwayne ha detto:

        Eh, in effetti c’è stato un vistoso cambio di politica da parte dell’Academy: dal totale snobismo nei confronti delle minoranze all’improvvisa volontà di tutelarle con un bell’Oscar al miglior film. Insomma, anche da parte mia c’è il forte sospetto che l’Academy le “usi” come arma contro Trump. E probabilmente le minoranze stanno volentieri al gioco: il nemico del mio nemico è mio amico, dicevano i romani.
        Riguardo a Denzel Washington, che dire, è un titano praticamente in ogni film. E poi ha un’eleganza alla Sidney Poitier che lo rende ancora più magnetico. Tra i suoi film il mio preferito è Il diavolo in blu: se non l’hai visto, te lo consiglio caldamente! : )

  7. Salsa e Meringhe ha detto:

    Io giuro che ci ho provato a vedere la notte degli Oscar, ma a mezzanotte e mezza stavo già crollando addormentata, quindi ci ho rinunciato.
    Per quanto riguarda i film in gara, io ho visto solo Arrival, che mi è piaciuto molto (sarà che amo il genere, però per me era fatto veramente bene, uno dei migliori del genere).
    Ho saputo della figuraccia epica, e penso che sarebbe stato divertente vederla in diretta! 🙂

    • wwayne ha detto:

      Io per fortuna mi sono svegliato quando dovevano ancora consegnare tutti i premi più “succulenti”, e quindi per fortuna non mi sono perso nulla di significativo. E poi, sarebbe valsa la pena di svegliarsi presto solo per poter dire di aver visto in diretta la gaffe della premiazione! : )
      Riguardo ad Arrival, non l’ho visto, ma sono molto affezionato alla sua attrice protagonista, Amy Adams. L’ho vista recitare in tanti bei film, ma forse il mio preferito è Di nuovo in gioco, che ho anche recensito qualche anno fa. Ti lascio il link: https://wwayne.wordpress.com/2014/06/09/tre-film-in-uno/. Grazie per il commento! : )

      • Salsa e Meringhe ha detto:

        Non lo conosco, lei è molto brava secondo me, quindi potrebbe essere uno dei prossimi film che guarderò, ma solo dopo aver letto la tua recensione!
        Se posso darti un consiglio, Arrival per me è da vedere, è un film di fantascienza diverso dal solito, più originale. 🙂

      • wwayne ha detto:

        Anche un altro blogger (il grande https://lapinsu.wordpress.com/) me ne ha parlato in questi termini, e questo potrebbe indurmi a dargli una chance, nonostante la fantascienza non sia il mio genere preferito. Se lo guarderò, sarai la prima a saperlo! : )

  8. Giuseppe Marino ha detto:

    Avrei tanto voluto vedere il momento della gaffe. Ma pazienza. Per il resto ottimo post.

    • wwayne ha detto:

      Eheheh, in effetti c’è un non so che di perversamente comico nell’assistere in diretta ad una figura di merda! : ) Scherzi a parte, io l’ho vista davvero in diretta, e ti dirò che ero troppo sbigottito per cogliere subito il potenziale comico di quella scena. Probabilmente, se l’avessi vista ad una distanza di tempo anche minima, anch’io l’avrei trovata molto gustosa. Grazie mille per i complimenti e per il commento! : )

  9. annikalorenzi ha detto:

    devo vederlo lala land…ne parlano tutti

  10. ilblogvuoto ha detto:

    Quando, nel 2010, The Hurt Locker vinse su Avatar, capii che non è che gli Oscar premiano per forza il film di cui si parla di più tra quelli nominati. Conosci la mia opinione su Suicide Squad, e penso che Star Trek Beyond meritasse quella statuetta. Tuttavia, mi chiedo una cosa: non è che non l’ha vinto perché già il film del 2009 vinse quel premio? Come si comporta l’Academy sul premiare seguiti di film già premiati?

    • wwayne ha detto:

      L’Academy ha mille preclusioni e paletti, ma sui sequel non ha di queste fissazioni: Terminator 2 prese 4 statuette.
      Nel tuo post (https://ilblogvuotodinidellaneum.wordpress.com/2017/02/27/serie-a-2016-2017-una-corsa-per-leuropa-league-estesa/) mi hai scritto che non sapresti farmi una lista dei film che hai visto quest’anno: ebbene, io invece la lista dei film visti nel 2017 ce l’ho nelle bozze della mia posta elettronica, e la convidido molto volentieri con te e con i miei lettori:

      Fino a qui tutto bene
      Recoil – A colpo sicuro
      Café Society
      By the gun
      Ex machina
      Hell or high water
      Lo stagista inaspettato
      The Machine
      The Colony
      Bastardi senza gloria
      Wanted – Scegli il tuo destino
      La famiglia Bélier
      The Sessions
      The Nice Guys
      Silence
      La La Land
      Il sesto senso
      Suburra
      Split
      A United Kingdom
      Sleepless – Il giustiziere
      Woman in Gold
      L’ultima parola
      Pompei
      Autobahn – Fuori controllo
      La battaglia di Hacksaw Ridge
      I predoni
      The Danish Girl

      Che ne pensi?

      • ilblogvuoto ha detto:

        Penso che sia incredibile come io abbia visto decine di film tra Gennaio e Febbraio eppure non ho visto NESSUNO di questi, a parte Bastardi Senza Gloria che vidi al liceo.

      • wwayne ha detto:

        Lietissimo di averti risvegliato dei ricordi di gioventù! : ) Di tutti i film che ho elencato, il migliore è senza dubbio A United Kingdom: se non l’hai visto, te lo consiglio caldamente! : )

      • ilblogvuoto ha detto:

        “Un ricordo di gioventù”. Va bene che sono passati otto anni, ma sono comunque un (quasi) ventiquattrenne, quindi non è che posso già parlare del liceo come i “vecchi tempi della gioventù”. Come mai me lo consigli?

      • wwayne ha detto:

        Perché è un capolavoro. Ed è un termine che uso con molta parsimonia: pensa che secondo me negli anni 10 di capolavori ne sono usciti solo 3 (questo, Tutto può cambiare e La famiglia Bélier). Ti vengono in mente altri titoli?

      • ilblogvuoto ha detto:

        No, non me ne vengono, perché io guardo i film che trovo su Netflix, e non è che abbia visto film che consiglierei caldamente in questi giorni.
        Ah, in un altro articolo, parlo di come un segnale del mio non aver gradito il film sia che cambio argomento NON APPENA FINISCE. Tu cosa fai?
        PS: Ti ho appena menzionato in un post senza motivo ^,.,^

      • wwayne ha detto:

        E hai fatto benissimo! : ) Io quando finisco un film che non mi è piaciuto mi metto semplicemente a fare altro, tengo la mente occupata altrove per “ripulirla” subito dalle eventuali scorie del film escrementizio. Prova anche tu, sono convinto che ti troverai benissimo! : )

      • ilblogvuoto ha detto:

        Io non ci riesco, perché, se il film è brutto, penso “ho appena sprecato le ultime 2 ore”, ed io non perdono un film che mi fa sentire come se avessi sprecato tempo.

      • wwayne ha detto:

        Eh, come ti capisco… ti auguro di non trovarti spesso in questa situazione! : )

      • ilblogvuoto ha detto:

        Ma va tutto bene? Sembra quasi che ti abbia beccato in un momento non opportuno.

      • wwayne ha detto:

        In effetti è così: tra un’ora vado a vedere il sequel di Trainspotting con degli amici (zero voglia, ma per loro questo ed altro), e quindi ti rispondo veloce come se fosse una conversazione via sms. Ora ti devo lasciare perché mi sto preparando, ma ti farò sapere come ho trovato il film! Grazie mille per la splendida chiacchierata! : )

      • ilblogvuoto ha detto:

        Allora va a guardarlo e goditelo. Tanti saluti, a presto!

      • kobaino ha detto:

        ah ah ah anche io ho una email in bozza dove segno mese per mese tutti i film visti! figata, fa piacere sapere di non essere l’unico. Uso anche Evernote, ma la bozza la trovo molto più veloce, facile e mi segue sempre. Vai così!

  11. Pingback: The culture behind a Megazord: 20 main Red Rangers for the 25th anniversary | Il blog vuoto

  12. Austin Dove ha detto:

    mah
    sui film sopravvalutati non sono d’accordo, ma oltre a quello (e i film d’azione xD) condivido.
    Buona sera!

    • wwayne ha detto:

      Eheheh, lo sapevo che a toccare ben 4 mostri sacri avrei ricevuto qualche rimbrotto! : ) Ma un pizzico di provocazione non fa mai male. E poi, ricevere una tirata d’orecchi da chi condivide la mia passione per gli action movies è quasi un piacere! : ) Grazie per il commento! : )

  13. kobaino ha detto:

    Innanzitutto grazie per aver letto il mio blog, che è pensato più come un “diario/pensatoio” privati, ma che non disdegna d’esser letto. Mi chiedo: mi hai segnalato il tuo post per pubblicità o per amicizia? Dalle statistiche non mi pare ci fossi mai passato sul mio, ma tant’è. Se è vera la seconda opzione (amicizia) ti do il mio parere: ti ho letto con piacere. Son contento come te “in negativo” su La La Land che in pre-visione Cinemelson (se mi hai letto saprai cos’è) non mi ha entusiasmato quindi felice non abbia scontatamente vinto. Mi dispiace però per tutti i professionisti che l’han fatto per le false speranze ed il coito interrotto di felicità che han subito. Non mi piace il film che ha vinto, invece, ma non l’ho visto e quindi per ora il mio giudizio attiene ai temi che tratta e a questa dilagante nerità del cine americano. A presto. Un abbraccio.

    • wwayne ha detto:

      Ti ho segnalato il mio post per amicizia, e su Moonlight siamo sulla stessa lunghezza d’onda: anch’io non l’ho visto, e anch’io non ho bisogno di vederlo per capire che è di una pesantezza insostenibile. Lo eviterò con la massima cura, almeno finché non avrò l’opportunità di vederlo gratis in televisione. Grazie a te per i commenti! : )

  14. natipervivereblog ha detto:

    Io continuo a ringraziarti per il tuo modo così preciso e completo dei tuoi post.
    E’ un piacere leggerli e devo sinceramente dirti che per me rappresentano un’importante fonte su cui attingere conoscenze profonde
    Complimenti!
    Adriana Pitacco

    • wwayne ha detto:

      Mi fa molto piacere che tu mi veda come un punto di riferimento così prezioso, e spero di rimanere sempre all’altezza delle tue aspettative. Anche i tuoi interventi sono sempre molto graditi da parte mia. Grazie mille per i complimenti e per il commento! : )

  15. Io sono abbastanza soddisfatta: se avessi scoperto prima delle 2 di notte che esisteva la schedina degli Oscar sarei stata parecchio contenta, visto che ho sbagliato solo 3 predizioni! Io sono molto triste per Arrival, perché era un film che mi è piaciuto tantissimo 😥
    Per il resto Moonlight era troppo prevedibile, quest’anno azzeccarli era davvero facilissimo!

    • wwayne ha detto:

      Ti dirò che non sei l’unica ad aver azzeccato il pronostico sul miglior film: pochi giorni fa ricordo di aver visto (mi sembra in un programma che si chiama Stracult) una sorta di tavola rotonda in cui vari esperti si sbilanciavano nelle loro previsioni, e uno di loro aveva puntato appunto su Moonlight. Ti confesso che ritenevo la sua predizione inverosimile al massimo, e invece i fatti hanno rivelato che quell’uomo possiede un intuito non comune. Ed evidentemente questo fiuto ce l’hai anche tu! : )
      Riguardo ad Arrival, non disperare: per un film di fantascienza racimolare 8 candidature e tornare a casa con qualcosa in saccoccia è semplicemente il massimo risultato possibile. Non perché il genere non sia nobile, ma perché è l’Academy a snobbarlo per principio. Grazie per il commento! : )

      • Io sono andata molto a logica, avevo letto tantissimi articoli dove si parlava che l’Academy fosse profondamente contraria a quello che diceva Trump, quindi dovevano per forza far vincere qualcosa di “politically correct”, senza però dimenticarsi di dare due due premi anche a Mel… Quindi sono andata a logica!

      • wwayne ha detto:

        Eh, in effetti una vittoria di Mel Gibson era probabile quanto una pioggia di rane. Viste le sue burrascose vicende personali, è già un miracolo che gli abbiano dato la nomination. Che però è strameritata, perché di registi con un talento e un’identità riconoscibile come la sua ce ne sono veramente pochi. Lunga vita a Mel! : )

      • Io quando l’ho visto con quella ragazza mi son detta “vabbè sarà la figlia”… E invece no O:

      • wwayne ha detto:

        E pensa che la passione per le ventenni è forse il minore di tutti i suoi vizi… ma finché continuerà a sfornare film come La battaglia di Hacksaw Ridge, avrò sempre un occhio di riguardo per il buon Mel! : )

  16. Fatima Forti ha detto:

    Io aspettavo e speravo qualcosa di piú per Arrival :/

    • wwayne ha detto:

      Purtroppo i film di fantascienza hanno da sempre un destino segnato quando si presentano alla notte degli Oscar. Ad ogni modo, è già un successo essere tornati a casa con un premio in mano, visto che in quasi tutte le categorie Arrival doveva vedersela con degli autentici colossi. Grazie per il commento! : )

  17. Erica ha detto:

    Sono felice che un tuo piccolo sogno sia diventato realtà e hai fatto bene a sottolineare l’importanza dell’Oscar vinto da Suicide Squad!
    Per quanto riguarda la vittoria di Moonlight su La La Land: non credo che l’Academy si sia fatta influenzare da un pubblico estasita ma semplicemente ha voluto premiare un altro film che lo meritava.
    Continuo, ad ogni modo, a reputare la La La Land un capolavoro, ogni scena o quasi è un elegante citazione dei musical dell’epoca d’oro di Hollywood, i dettagli di questo film sono sbalorditivi! forse sono un pò una nostalgica 🙂
    Comunque sono molto felice che sia stato premiato Damiel Chazell per la sua bravura a soli 32 anni!

    Buona serata e a presto!

    • wwayne ha detto:

      In effetti eravamo tutti così sicuri della vittoria di La La Land che, dopo la sua sconfitta, il mondo intero ha dato per scontato che la vittoria di Moonlight fosse esclusivamente politica. Non ci è passato neanche per l’anticamera del cervello che forse, come dici tu, Moonlight è davvero il miglior film dell’anno. Questo dubbio mi resterà molto a lungo, perché non è un film nelle mie corde, e quindi credo proprio che lo guarderò soltanto quando avrò l’opportunità di vederlo gratis in televisione. Grazie per il commento! : )

  18. luigicalisi ha detto:

    Ho amato “La La Land”, ma penso che assegnargli più Oscar di quanti ne ha effettivamente vinti sarebbe stato ingiusto. E se è vero che torna a casa senza la statuetta più preziosa, va anche detto che il regista è diventato il più giovane premiato in questa categoria: un risultato niente male!

    PS: tra un paio di giorni vado a vedere “La battaglia di Hacksaw Ridge”. Ora ha dalla sua anche un paio di Oscar!

    • wwayne ha detto:

      Ne rimarrai estasiato, ne sono convinto! : ) Riguardo a Damien Chazelle, sono sicuro che lui baratterebbe volentieri l’Oscar al miglior regista con l’orgoglio di vedere la propria opera premiata con la statuetta più importante. E il fatto di aver mancato quest’ultimo traguardo a mio giudizio fa passare in secondo piano il successo personale, agli occhi suoi, di Emma Stone e di tutti gli altri artisti premiati per La La Land. Insomma, a mio giudizio tutti loro in questo momento vedono il bicchiere non mezzo vuoto, ma semivuoto. Sarà per la prossima volta? Ai posteri l’ardua sentenza. Grazie per il commento! : )

  19. Angelo Genovese ha detto:

    Ciao. =) Su La La Land non sono d’accordo. Credo fosse il miglior film, insieme ad Arrival, e che meritasse la vittoria. Penso che la scelta di premiare Moonlight – al di là del fatto che sia, anch’esso un gran bel film, e che abbia entusiasmato tutta la stampa estera – sia di fattori principalmente politici e sociali. Non so se parlare di messaggio contro Trump o semplicemente di una costante che si ripete negli anni; come per l’anno scorso, che vinse Spotlight quando Revenant era cinematograficamente superiore. Al di là di tutto, la gaffe che hanno fatto Beatty e Dunaway è stata imbarazzante e non voglio immaginare cosa abbiano potuto provare i produttori di La La Land, vedendosi togliere l’Oscar dalle mani. Brutto momento, davvero. Ecco il mio articolo sulla premiazione, pubblicato poco fa: https://cinemadipinto.wordpress.com/2017/02/27/oscar-2017-con-colpo-di-scena-vince-moonlight/. 😉

    • wwayne ha detto:

      Ho letto il tuo post, e l’ho trovato molto interessante. In particolare il passaggio sulla “S.p.m.E.d.S.” (“Spartizione più o meno Equa delle Statuette”): avevo notato anch’io che l’Academy ha preso questa piega negli ultimi anni. E onestamente è una tendenza che adoro, perché non mi piacciono i film che arrivano alla notte degli Oscar e lasciano tutti gli altri a bocca asciutta. Un po’ per uno non fa male a nessuno. Grazie per il commento! : )

  20. Angelo Genovese ha detto:

    Si, è una cosa che mi sono inventato al momento e che rispecchia una tendenza che i giurati dell’Academy tendono a seguire, ultimamente. Beh, non hai tutti i torti. Da un lato, i bei film non sono pochi e ben venga se ottengono almeno una statuetta; dall’altro, però, penso che se ci sia una pellicola che eccelle in tante categorie, meriti, effettivamente, di vincere altrettanti premi, anche se dai 5/6 in su. =) Grazie a te! 😉

  21. ManniWoopstick ha detto:

    Sono d’accordo con te sul fatto che l’Academy non si piega alle scelte di pubblico! Ma questo ormai è chiaro da mille mila anni, sennò l’anno scorso avrebbe vinto Mad maaaax (che io ho amato, lo ammetto, non tanto perché sia un capolavoro di sceneggiatura, ma perché cazzo tecnicamente è la perfezione!).
    Quindi ammetto che quando ho visto Moonlight mi si è accesa la lampadina. Aveva tutte le carte in regola per essere il miglior film. Non tanto perché lo sia davvero, ma perché con un film del genere l’Academy va in brodo di giuggiole.
    E io ti parlo da grande fan di Lalaland. È un gran film, l’ho amato in ogni sua parte, ma rimane cmq un musical, quindi con una sceneggiatura semplice e un’atmosfera leggera. Troppo poco per i signoroni Academy.
    E ti dirò di più… a me Moonlight ha pure annoiato. 😱

    • wwayne ha detto:

      Io fino a ieri sera ero dell’idea che per vederlo avrei aspettato un passaggio televisivo: Moonlight sembra il classico film che ti attacca addosso il male di vivere, e se proprio devo farmelo attaccare almeno non voglio pagare per questo. Tuttavia, ora dopo ora la mia curiosità è aumentata, finché non mi è venuta in mente una pazza idea: e se lo andassi a vedere? Nel caso, ti farò sapere cosa ne penso! : ) Grazie per il commento! : )

  22. Leonardo Diofebo ha detto:

    Purtroppo quest’edizione degli Oscar, nonostante alcune soddisfazioni, tra le quali i premi a SS e le 6 statuette a La La Land, mi ha lasciato l’amaro in bocca.
    Se ti potesse interessare https://popcornecomics.wordpress.com/2017/02/28/oscar-arte-o-politica/ ho scritto un mio articolo al riguardo 🙂

    • wwayne ha detto:

      Ho letto il tuo post, e l’ho trovato molto interessante. In particolare il tuo commento su Suicide Squad: hai fatto benissimo a sottolineare che, piaccia o non piaccia, il film è entrato a far parte in maniera molto rapida della cultura pop, e una buona parte del merito è proprio dei truccatori italiani e del look altamente riconoscibile che hanno dato ad Harley Quinn. Non a caso il suo trucco sbavato è diventato un must per le cosplayers di tutto il mondo. Grazie per il commento e per avermi segnalato il tuo ottimo articolo! : )

  23. Blackgrrrl ha detto:

    Io per fortuna ho apprezzato alla grande sia La La Land che Moonlight, ma speravo Lion tirasse su qualcosa e invece no. Piu che altro tifavo per Lion, quindi pazienza. Invece come miglior attrice, sono contenta per Emma Stone ma tifavo spudoratamente per Natalie Portman.

    • wwayne ha detto:

      Anche a me non sarebbe dispiaciuto vedere la statuetta tra le mani di Natalie Portman: di norma non mi piace che diano l’Oscar a chi l’ha già vinto, ma quest’attrice ha recitato divinamente in Jane got a gun, uno dei film più belli che abbia visto l’anno scorso. Grazie per il commento! : )

  24. Zio Gio ha detto:

    Anche io leggendo l’elenco dei vincitori credo che LaLaLand sia il grande sconfitto: per come ne ho visto parlare dei social doveva fare 14 su 14, e invece niente Miglior film e bocca asciutta per Ryan…

    • wwayne ha detto:

      La sconfitta di Ryan Gosling era più prevedibile, dato che aveva addirittura due concorrenti forti (Casey Affleck e Denzel Washington). Tra l’altro i commentatori di SKY hanno evidenziato che quest’ultimo sembra non aver preso per niente bene la sconfitta: eppure ne ha già vinti due, potrebbe anche accontentarsi. Ma forse voleva la statuetta perché così avrebbe eguagliato il record di Oscar vinti da un solo attore: infatti ne hanno vinti 3 Walter Brennan, Jack Nicholson e Daniel Day – Lewis. Grazie per il commento! : )

  25. laylarock ha detto:

    D’accordissimo su Viola Davis… è veramente brava e se l’è meritato!!

  26. And_revolver ha detto:

    A me La La Land è piaciuto moltissimo, anzi, per me è davvero il film dell’anno. Il fatto che non abbia vinto nella categoria principale non mi dispiace, però: sei premi non sono pochi, soprattutto considerando quello alla regia e ad Emma Stone (che adoro da quando la vidi in Easy Girl). Insomma, sono contento che i premi non siano andati tutti ad unico vincitore, anche perché quest’anno il livello era davvero assai alto. Anche se resto con l’amaro in bocca per Animali notturni.

    • wwayne ha detto:

      Il livello delle pellicole in gara era alto, ma paradossalmente a rovinare la media hanno contribuito proprio i due film più premiati: La La Land aspira ad essere un capolavoro e non ci riesce, Moonlight invece è semplicemente insulso.
      Tra i due comunque meritava La La Land, perché anche se il quadro generale è insoddisfacente (almeno per me), contiene al suo interno dei momenti di puro incanto. Moonlight invece non riesce a strappare neanche un’emozione, figuriamoci una sensazione di meraviglia.
      Insomma, per me il titolo di miglior film doveva andare a La battaglia di Hacksaw Ridge. E lo sconfitto di lusso sarebbe dovuto essere Silence, altro che La Land. Mi consolo pensando che almeno il film di Mel Gibson qualche statuetta se l’è portata a casa.
      Riguardo ad Animali notturni, non l’ho visto, ma su di esso ho sentito pareri completamente opposti tra loro, e questo mi ha incuriosito: i film “divisivi” di norma hanno sempre qualcosa di interessante. Grazie per il commento! : )

      • And_revolver ha detto:

        Io li ho appprezzati davvero un po’ tutti, qualcuno di più qualcuno di meno, alcuni per certi aspetti e alcuni per altri. Un’edizione che mi ha lasciato veramente soddisfatto, specie per le nomination ad Arrival. Grazie a te per la risposta.

  27. elenapescatore ha detto:

    Non ho visto moonlight ma ho sperato fino alla fine vincesse la la land! ma ricordo che a te non piaceva 😉 sono mooolto curiosa di vedere Manchester by the sea!

    • wwayne ha detto:

      Moonlight puoi risparmiartelo: è un film davvero insulso. La La Land può non piacere, ma sicuramente non è insignificante; Moonlight invece, nonostante l’importanza dei temi trattati, lo è eccome. Grazie per il commento! : )

  28. Bluebellsweet ha detto:

    Sinceramente non seguo mai gli oscar 🤔 noto però che spesso il premio viene vinto da chi ha prodotto un film con un tema molto trattato nell’anno, nel mondo, invece che per la sua bravura nel girarlo.
    Non posso certamente dare un parere rilevante, non ne sono minimamente in grado. C’è cosa mi piace e cosa no.
    Suicide squad non mi ha entusiasmato, o per meglio dire, mi piacciono i personaggi, ma non come è stata evoluta la storia. Poi, è anche vero che più qualcosa è conosciuto, più lo affronto in modo “scontroso”?!
    Insomma, non lo so.
    Per La la land, devo esser sincer, non volevo nemmeno vederlo. Davo per scontato che fosse l’ennesima cazzata.
    In realtà mi ha sorpresa. Mi sono piaciuti gli attori che li ho trovati perfetti per il loro ruolo, e poi il modo in cui è stato girato, mi è piaciuto un sacco. Personalmente ho adorato il fatto che vi fossero molti riferimenti ad altri film, le scene che riconducevano ad altre scene, la trama studiata a tavolino, e lo si comprende nel finale.
    È difficile che una storia ti faccia dire ” cavolo!”, o ” ohhh mio dio”. Per me è stato così per lo meno 😊

    • wwayne ha detto:

      Hai ragione nel dire che La La Land è chiaramente un film studiato a tavolino. Forse fin troppo: ad esempio, tutti quegli omaggi al vecchio cinema sono delle plateali ruffianate nei confronti dell’Academy, così plateali che a mio giudizio hanno sortito l’effetto opposto. Insomma, Chazelle ha avuto lo stesso destino di quegli alunni che leccano il sedere al professore in modo troppo evidente: invece di entrare nelle sue grazie, finiscono per indispettirlo più degli alunni che fanno casino! : )
      Anch’io ho un atteggiamento “scontroso” nei confronti dei film troppo popolari: quando un film ha troppo successo, guardarlo diventa quasi un obbligo, e io, da spirito libero quale sono, a quel punto mi ribello e non lo guardo per principio. Per questo motivo non ho visto Avatar, Il signore degli anelli, Harry Potter, Benvenuti al Sud eccetera.
      Inizialmente avevo questa posizione di rifiuto anche nei confronti di Checco Zalone, poi alla fine ho deciso di dargli una chance. Non me ne sono pentito: la sua produzione non è uniforme (Sole a catinelle è nettamente peggiore rispetto agli altri 3), ma in linea generale è davvero un comico straordinario. Grazie per il commento! : )

      • Bluebellsweet ha detto:

        Se guardi la produzione di la la land per vincere un oscar, concordo…se metti da parte questo fattore e lo prendi con un film che possa piacere agli spettatori, allora per quanto mi riguarda, i riferimenti sono stati colti e apprezzati.
        Per checco zalone concordo, la sua produzione non è uniforme, e si, è un comico bravo, ma credo che sia anche una persona molto intelligente e sa come giocare le sue carte! 🙂
        Comunque data l’ora, ti auguro una buona domenica ed anche buon pranzo a breve 😬

      • wwayne ha detto:

        Anche a te, e a presto! : )

  29. malberock ha detto:

    Parlare con te di cinema è sempre esaltante, per questo ti ho nominato per il Liebster Award 2017! Trovi tutte le info per partecipare sulla mia home!

  30. klelia ha detto:

    Non sono una patita di cinema ai tuoi livelli, ma gli Oscar sono un argomento che bene o male ti capita di dover affrontare. Mi piace la tua opinione sul perchè La La Land non abbia vinto come miglior film! A me è piaciuto molto, anche se effettivamente non so se fosse un “miglior film” 🙂
    Grazie della visita sul mio Blog e a presto!

    • wwayne ha detto:

      Mi fa molto piacere che tu abbia apprezzato la mia analisi di La La Land, anche se sul film abbiamo opinioni molto diverse. Probabilmente sei nel giusto tu, dato che la stragrande maggioranza degli spettatori ha adorato alla follia questo film. Grazie a te per i complimenti e per il commento! : )

      • klelia ha detto:

        Beh.. non penso che in questi casi si possa parlare di “aver ragione”. Ognuno ha la propria sensibilità sull’arte, il bello è questo! Comunque, La La Land mi ha lasciato una bella sensazione, nonostante il finale che secondo il mio carattere è terribile. Non lo considero un musical, ma un film ibrido.. però appunto, sono uscita dal cinema contenta!
        Ciao e a presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...