Amore a scoppio ritardato

Un mio amico ha l’hobby dei combattimenti medievali. Intendo dire che, quando viene organizzata una festa medievale, lui e alcuni suoi amici ci vanno per inscenare dei duelli molto simili al wrestling: infatti non ci si fa male davvero ed è stabilito fin dall’inizio chi vincerà, ma i duellanti sono così bravi a combattere con la spada che danno l’illusione di stare assistendo ad un duello vero e proprio, e non diresti mai che è tutta una messinscena.
Quest’hobby gli ha permesso di trovare anche una fidanzata: lei faceva parte di una compagnia di sbandieratori, quindi capitava spesso che si incrociassero alle feste medievali. Per Andrea fu amore a prima vista, per lei nient’affatto: infatti, quando lui le si avvicinava, lei lo respingeva in malo modo dicendogli che aveva il ciclo e non aveva voglia di parlare con nessuno. Gli diceva ogni volta la stessa scusa, per fargli capire in modo ancora più chiaro che non aveva nessuna possibilità.
Poi un giorno fu lei ad andare da lui, perché aveva bisogno di un favore ed era sicura che lui non gliel’avrebbe rifiutato. In quell’occasione Andrea sfoderò l’ironia tipica dei toscani, dicendo che stavolta era lui ad avere il ciclo e a non voler parlare con nessuno. Lei scoppiò a ridere, e questo fece scoccare la scintilla tra loro. Oggi stanno insieme da 5 anni, e a breve andranno a convivere.
La morale di questa storia è che non sempre ci si innamora fin dal primo giorno. Talvolta ci capita di incontrare una persona a cui non daremmo una lira, o che magari ci sta perfino antipatica, e soltanto in seguito ci rendiamo conto di averla sottovalutata.
A me è capitata una cosa simile con Michael Connelly. La prima volta che lessi un suo romanzo (L’ultimo giro della notte) ricordo che mi piacque, ma non così tanto da voler approfondire la conoscenza di questo scrittore. Misi il libro su uno scaffale, e mi dimenticai totalmente del suo autore addirittura per 3 anni.
Poi quest’Estate ero in vacanza in Liguria, mancava ancora qualche giorno al mio ritorno a casa e io avevo già finito i libri da leggere: di conseguenza, andai in una libreria per fare rifornimento. L’unico romanzo promettente che trovai era uno di Michael Connelly (La notte più lunga), quindi lo presi e cominciai a leggerlo il giorno stesso. Ebbene, ne rimasi folgorato: l’indomani l’avevo già finito, e tornai in quella libreria per comprare tutti gli altri libri di Michael Connelly che avevano disponibili. Ad oggi ne ho letti più di 10.
Se dovessi consigliarvi un solo romanzo di quest’autore punterei proprio su La notte più lunga, perché presenta uno dei suoi personaggi più belli, la detective Renée Ballard. Io me la sono immaginata con le fattezze di Sofia Vergara, che considero la donna più bella del mondo. Non solo per il suo fisico: la adoro anche per il suo carattere solare e spumeggiante, per l’allegria contagiosa che trasmette ogni volta che appare sullo schermo. Quando mi sento male fisicamente o moralmente, mi basta guardare un suo film per ricordarmi che nel mondo c’è anche tanta bellezza, e può bastare davvero poco per poterla toccare con mano. Talvolta basta un libro di Michael Connelly.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

141 risposte a Amore a scoppio ritardato

  1. Federico Cinti ha detto:

    Suadente recensione, con un preambolo ancora più suadente. Mi fai venire voglia di leggere quest’autore.
    Dici bene: alla bellezza non si resiste. Mai.
    Grazie ancora.

    • wwayne ha detto:

      Mi fa molto piacere che siamo sulla stessa lunghezza d’onda! : ) Due precisazioni:

      – I ragazzi nella foto non sono il mio amico e la sua fidanzata, è un’immagine presa da Internet;
      – In realtà Renée Ballard appare anche ne “L’ultimo giro della notte” (e anzi è proprio quello il libro in cui ha debuttato), ma come ho scritto nel post in quel romanzo Connelly non era al massimo della forma. E’ ne “La notte più lunga” che ha saputo sfruttare al massimo le potenzialità di questo personaggio.

      Metto qua il link del post in cui pubblicizzi il tuo libro, nella speranza che questo ti aiuti a venderne qualche copia: https://federicocinti.home.blog/2020/09/28/piccola-guida-esotica-di-bologna/. Grazie a te per i complimenti e per il commento, e buon fine settimana! : )

  2. Yleniaely ha detto:

    Ciao! 😊 Meravigliosa storia d’amore e post affascinante, complimenti!!!
    Mi ha incuriosita moltissimo il romanzo la notte più lunga di Michael Connelly! 😊

  3. Enchanted_Night ha detto:

    Mi hai incuriosita, metterò anch’io in lista ‘La notte più lunga’. Davvero bello questo post, ti auguro un buon fine settimana! 🙂

  4. Evaporata ha detto:

    Che bella coppia! 😃💕

    • wwayne ha detto:

      Hai ragione: sono stato fortunato a trovare questa foto, perché i ragazzi in questione sembrano davvero molto innamorati. Lo si capisce dall’atteggiamento protettivo con cui lui la stringe a sé, e soprattutto dal meraviglioso sorriso di lei: il suo viso esprime amore allo stato puro.
      Riguardo a Michael Connelly, di lui ho letto nell’ordine:

      L’ultimo giro della notte
      La notte più lunga
      La fiamma nel buio
      Vuoto di luna
      Il cerchio del lupo
      Il lato oscuro dell’addio
      Doppia verità
      Ghiaccio nero
      Il ragno
      La strategia di Bosch
      Il buio oltre la notte
      La città delle ossa
      Il passaggio
      Lame di luce
      La morte è il mio mestiere

      L’unico che non mi è piaciuto è Ghiaccio nero. E’ anche il più vecchio come data di pubblicazione, quindi credo che a quei tempi Connelly fosse ancora troppo acerbo, e solo in seguito è diventato il meraviglioso scrittore che tutti conosciamo.
      Anch’io adoro gli Offspring, quindi metto qua il link del post che gli hai dedicato, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://evaporata.com/2020/10/03/offspring/. Grazie per il commento, e buon fine settimana! : )

  5. astrorientamenti ha detto:

    “La notte più lunga” … già il titolo mi piace!
    Bella questa storia d’amore “a scoppio ritardato” …
    Grazie per la condivisione.
    🙂 🙂

    • wwayne ha detto:

      E’ bella anche la coppia di cui ho parlato nel post. Magari da come l’ho descritta lei potrebbe sembrare antipatica, ma ti posso assicurare che il suo atteggiamento aggressivo è più che altro un meccanismo di difesa: quando la conosci meglio tira fuori il suo lato dolce, e diventa una persona piacevolissima anche lei. Grazie a te per la tua costante e graditissima presenza nel mio blog! : )

  6. Austin Dove ha detto:

    Bella la storia del ragazzo, lei iper stron*a 😂😂😂

    • wwayne ha detto:

      Quando lui mi raccontò come si erano conosciuti pensai esattamente la stessa cosa. Poi la conobbi meglio, e capii che la sua acidità era un modo per difendersi dai corteggiatori sgraditi: quando la conosci meglio tira fuori anche il suo lato dolce, e a quel punto diventa una persona piacevolissima anche lei.
      Ho adorato il tuo ultimo post, quindi metto il link qua nel mio blog, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://austindoveblog.wordpress.com/2020/10/01/consiglio-5-film/. Grazie mille per i complimenti e per il commento, e buon fine settimana! : )

  7. Gianluca Brescia ha detto:

    Una storia molto carina 😊

  8. mocaiana ha detto:

    Nei momenti bui veniamo aiutati dalle cose che abbiamo amato.

  9. Capita……
    E’ un genere che mi piace seguirò il consiglio
    Carinuccia ma non la più bella.

  10. The Butcher ha detto:

    Una recensione davvero affascinante come sempre. La parte del tuo amico che partecipa alle rappresentazioni medievali è davvero simpatica, mi ricorda molto alcuni eventi che si svolgono nel mio paesino quando facciamo festival medievali. E la naturalezza di come sei riuscito ad arrivare all’argomento principale è sempre ottima.
    Hai fatto un’ottima lavoro come tuo solito 🙂

    • wwayne ha detto:

      Il tuo commento mi ha fatto molto piacere: infatti una delle parti più delicate e difficili dei miei post è quella in cui passo dall’introduzione alla recensione vera e propria, e sapere che in quest’occasione sono riuscito a farlo con naturalezza è davvero un grande sollievo.
      Ho adorato il tuo post sul biopic di Stanlio e Ollio, quindi metto il link qua nel mio blog, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://mymadreams.com/2020/09/24/stanlio-e-ollio/. Grazie mille per i complimenti e per il commento, e buona Domenica! : )

  11. maxilpoeta ha detto:

    belli questi paragoni e la storia dei due innamorati, spesso è proprio così, certe volte s’incontrano persone che alle prime ci stanno proprio sul c…, poi conoscendole meglio si rivelano persone d’oro, di quelle che non potremmo farne a meno. Non succede solo in amore, ma anche in amicizia, sovente il tempo, lo scorrere degli anni, ci fanno percepire in maniera differente ciò che un tempo davamo per scontato…
    Buona domenica… 😉

  12. SaraTricoli ha detto:

    Bella storia d’amore, con un inizio così particolare 😍
    Per l’autore che consigli… ho preso appunti 😅
    Buona domenica 😘

  13. recensioni53 ha detto:

    Le attività artistiche raccontano come l’uomo sente e legge la sua contemporaneità o come la rifiuta. È per questo che è importante salvaguardare le opere artistiche ed è per questo che i dittatori ne hanno sempre condizionato la produzione. Il film Monumenti Men è stato forse il primo ad affrontare questo aspetto del nazismo e ha sottolineato come alcuni uomini combattono per la libertà in modo differente.
    Le storie d’amore hanno mille percorsi diversi e le ragazze a volte fanno fatica ad arginare le intenzioni troppo scoperte, ma la costanza paga sempre!

    • wwayne ha detto:

      Forse le cose sono andate proprio come dici tu: il mio amico l’ha corteggiata in maniera molto evidente, questo l’ha fatta sentire attaccata e quindi reagiva dandogli il due di picche nella maniera più acida possibile.
      Riguardo a Monuments Men, sono totalmente d’accordo: ha raccontato la storia molto originale di alcuni uomini che hanno lottato per la libertà in modo non convenzionale, e quindi erano proprio dei personaggi perfetti per un film.
      Adoro la mitologia greca, quindi puoi immaginare con quanto piacere io abbia letto il tuo ultimo post. Metto il link qua nel mio blog, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://recensioni936.wordpress.com/2020/10/04/leroe-eracle-schiavo-di-onfale-regina-di-lidia/. Grazie mille per questo bellissimo commento, e buona Domenica! : )

  14. Ehipenny ha detto:

    Mi piace il paragone con la coppia, intrigante e al tempo stesso emozionante, è vero che a volte non ci si innamora subito di quello che si ha davanti, e chissà perché, magari un po’ per timore, un po’ per pregiudizio… me lo chiedo spesso 🙂

    • wwayne ha detto:

      In questo caso secondo me era soprattutto una questione di timore: infatti credo che all’inizio lei lo trattasse in maniera così acida come meccanismo di difesa. Poi ha tirato fuori il suo lato dolce, e si è rivelata una persona molto più piacevole di quel che sembrava.
      Metto qua l’indirizzo del tuo secondo blog, nella speranza di farti guadagnare qualche follower: https://ilmondodellamusica399057694.wordpress.com/. Grazie mille per i complimenti e per il commento, e buona Domenica! : )

  15. Madame Verdurin ha detto:

    Bellissimo post, come sempre. Sono d’accordo con te sul fatto che Sofia Vergara sia la donna più bella del mondo, il che fa di lei e Joe Manganiello senza dubbio la coppia più bella del mondo. Chissà se anche lei, all’inizio, respingeva Joe…

    • wwayne ha detto:

      Pur provando un pizzico di invidia nei suoi confronti, anch’io devo riconoscere che Joe Manganiello forma una bellissima coppia con Sofia Vergara. E non credo che lei se la sia tirata all’inizio della loro frequentazione: mi sembra una donna troppo dolce per fare la preziosa! : )
      Sono fiorentino e adoro Amici miei, quindi ti puoi immaginare quanto io abbia adorato il tuo ultimo post. Metto il link qua nel mio blog, nella speranza che la tua creatività nel recensire questo film venga apprezzata anche dai miei lettori: https://cine-muffin.com/2020/10/03/amici-miei-recensione-in-versi/. Grazie mille per i complimenti e per il commento, e buona Domenica! : )

  16. annikalorenzi ha detto:

    verissimo. e la cosa più vera è che non sono leggi nelle coppie…niente che valga sempre e per tutti…

    • wwayne ha detto:

      Sono totalmente d’accordo: ogni coppia fa storia a sé, quindi non ha senso ideare delle regole di comportamento generali e pretendere che funzionino nel 100% dei casi. A Napoli dicono “Ogni capa è ‘nu tribunale”: significa che ognuno ragiona a modo suo, e vale anche per le coppie.
      Ho trovato molto tenero il tuo ultimo post, quindi metto il link qua nel mio blog, nella speranza che strappi un sorriso anche ai miei lettori: https://senzacomplessiblog.wordpress.com/2020/10/04/welcome-ottobre/. Grazie per il commento, e buona Domenica! : )

  17. Deborah Mega ha detto:

    Non ho mai letto nulla di Michael Connelly nè conosco Sofia Vergara, non avendo mai visto “Modern Family” di cui mi hanno parlato le mie figlie. Prendo nota però sia del libro che hai suggerito, da molto non trovo romanzi che si facciano leggere in una notte, e del film “Chef – La ricetta perfetta”. Per quanto riguarda ciò che dicevi a proposito del fatto che i tuoi amici si sono innamorati dopo un po’ o che a te è successo di sottovalutare un autore per poi innamorartene a scoppio ritardato, nel mio caso, invece, se un autore non mi colpisce particolarmente non mi piacerà mai perchè, nei diversi romanzi, possono cambiare trame e personaggi ma la cifra stilistica resta quella. Allo stesso modo, quando conosco una persona, se non mi colpisce di primo acchito o se non la percepisco vera e positiva (passami l’utilizzo di questo aggettivo che di questi tempi è diventato negativo) difficilmente mi ricredo. Le prime impressioni sono sempre le più giuste.

    • wwayne ha detto:

      In realtà la prima impressione mi ha tradito diverse volte, perché tendo sempre a pensare che chi ho davanti sia una brava persona, quindi se non mi balza agli occhi un segnale inequivocabile di malvagità non mi rendo minimamente conto di avere davanti un pessimo soggetto.
      Naturalmente dopo essermi accorto di avere scarso intuito nel cogliere la vera natura delle persone sono diventato guardingo, e ho imparato a diffidare anche di coloro che mi sembrano candidi come un giglio. Anche perché la vita mi ha insegnato che spesso le persone stimate da tutti e apparentemente irreprensibili in realtà sono le più sporche in assoluto.
      Riguardo a Sofia Vergara, “Chef – La ricetta perfetta” è uno dei suoi film migliori, quindi sono convinto che ti piacerà moltissimo.
      Ho adorato uno dei tuoi ultimi post, quindi metto il link qua nel mio blog, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://deborahmega.wordpress.com/2020/04/15/la-scuola-al-tempo-del-coronavirus/. Grazie mille per quest’ottimo commento, e buona Domenica! : )

  18. auacollage ha detto:

    Ma come si fa a non volerTi Bene? Grazie infinite per Connelly. D’accordissimo per quel riguarda Sofia Vergara sul set: splendida come questa giornata di sole. Riguardo alla sua realtà effettiva e quotidiana…non so….conosco e ho conosciuto talmente tante doppie facce impensabili!!! Donna Sofia spero sia così sempre ( almeno di fondo e spesso!!) . Buona domenica.🌺🌺🌺🌺🌺😊😊

    • wwayne ha detto:

      Come ho scritto in un commento qui sopra, anch’io spesso mi sono reso conto che delle persone stimate da tutti e apparentemente irreprensibili erano in realtà marce fin nel midollo. Di conseguenza, anch’io non posso essere sicuro al 100% che Sofia Vergara sia una brava persona. Tuttavia, la sua simpatia e la sua solarità mi inducono a pensare che lo sia: anche la migliore delle attrici non può andare avanti per anni ad interpretare un ruolo lontano anni luce dalla sua reale personalità.
      Ho adorato il tuo penultimo post, quindi metto il link qua nel mio blog, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://auacollage.wordpress.com/2020/09/26/erano-le-6-00/. Grazie a te per l’affetto (ricambiatissimo) e per i commenti, e buona Domenica anche a te! : )

  19. Bel post😊non ho mai letto un libro di Michael Connely… comunque hai ragione, anche a me è accaduto con dei romanzi che pensavo non valesse la pena terminare! Forte la storia dei tuoi amici😃!

  20. Grazie mille a te per i complimenti e per aver condiviso il mio post😊🤗! Certo, se mi capita leggerò qualcosa di questo scrittore che hai segnalato! Sono felice che tu abbia apprezzato il mio articolo😊! Ti auguro una buona giornata e una buona domenica! Ricambio volentieri e condivido sul mio blog anche io il tuo post, che ho trovato piuttosto interessante😊

  21. Kikkakonekka ha detto:

    A livello di persone, anch’io ed MDM (Mia Dolce Metà) non ci siamo innamorati subito.
    Anzi: ci conoscevamo, ma eravamo entrambi impegnati con altri partners.
    Ma poi, “scoppiate” le coppie, piano piano…

    Riguardo autori, ma anche cantanti e gruppi musicali: a volte è stato amore a prima lettura (o primo ascolto), altre volte no, c’è voluto più tempo.

  22. marisasalabelle ha detto:

    Come sai conosco Michael Connelly per la serie di Harry Bosch; i romanzi con la detective Renée non li ho letti, ma prima o poi rimedierò!

  23. cristinabia ha detto:

    Io sono stata un’appassionata della prima ora di Connelly, ma all’epoca mi stancai un po’ (lessi, in ordine, fino a Il ragno). Ero proprio una ragazzina, tipo 13-14 anni, ed ero appassionatissima di thriller, ma a un certo punto mi sembrò un po’ ripetitivo e, non ricordo se a ragione, trovai troppa violenza fine a se stessa. Però sono passati tanti anni e potrei anche riprovare, specie dopo un librone pesantone!

    • wwayne ha detto:

      Il ragno è uno dei suoi libri migliori, quindi hai chiuso in bellezza! : ) Scherzi a parte, lo stesso Connelly ad un certo punto si è reso conto di essere diventato ripetitivo, e infatti ha accantonato il suo personaggio di maggior successo (Harry Bosch) per dare spazio ad altri (Renée Ballard, Mickey Haller, Jack McEvoy).
      Come ho scritto nel post Renée Ballard è la mia preferita, quindi se vuoi ricominciare a leggere Connelly potresti partire da uno dei 3 libri che la vedono protagonista (te li cito in ordine di pubblicazione: L’ultimo giro della notte, La notte più lunga e La fiamma nel buio).
      Dato che anche tu hai da poco pubblicato un post letterario, metto il link qua nel mio blog, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://lifeisamarathonnotasprint.wordpress.com/2020/10/01/libri-di-settembre/. Grazie per il commento, e buona serata! : )

      • cristinabia ha detto:

        Sì penso che varierò il protagonista, e visto che il tuo post mi ha molto incuriosito farò amicizia con Renée! Grazie per il link, buon serata anche a te!

  24. Ciao come sempre riesci a stupirmi ed incuriosirmi con le tue recensioni, questo libro lo acquisterò sicuramente. Per quanto riguarda la storia del tuo amico pure io ho avuto dei momenti che non gradivo molto il corteggiamento di colui che oramai sono ben vent’ anni che ci sto insieme e che me lo sono anche sposato ❤️

  25. ciliegina ha detto:

    Sei troppo avanti 😜😜

  26. elisafalciori rg. ha detto:

    Un post che mi ha incuriosita, quindi sono andata subito a cercare sofia e ho visto una immagine con il figlio. Sono incantevoli. Accolgo anche il consiglio per il libro. Capita anche a me di innamorarmi di un autore! Buona serata e buon inizio settimana!

    • wwayne ha detto:

      Hai usato proprio il verbo giusto: io mi sono innamorato di Michael Connelly, e infatti da 2 mesi a questa parte sto sfruttando ogni momento libero per leggere i suoi libri. Anche un breve tragitto sui mezzi pubblici, che prima trascorrevo leggendo il giornale o il cellulare, adesso è diventato un’occasione per divorare qualche pagina dei suoi romanzi.
      Hai usato un termine molto calzante anche per Sofia Vergara: è una donna incantevole, per motivi che vanno molto al di là della sua bellezza. Uno di questi motivi, come hai detto tu, è il grande amore che ha nei confronti del figlio e del marito: questo significa che sente profondamente il valore della famiglia, e questa è una qualità che apprezzo moltissimo in una persona.
      Come sai ho adorato la tua ultima poesia, quindi metto il link qua nel mio blog, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://elisafalciori.wordpress.com/2020/10/05/fermenti/. Grazie a te per i complimenti e per il commento, e buona settimana anche a te! : )

  27. vincenza63 ha detto:

    Bella recensione. Grazie!
    E ancora più bella la storia d’amore: fa sperare in cose buone ❤
    Ciao
    Vicky

  28. tremaghi ha detto:

    Grazie per il suggerimento, il prossimo libro che leggerò sarà La notte più lunga! …per la morale di questo bel pezzo, anch’io mi sono innamorata della persona più antipatica che avessi mai incontrato e ora siamo sposati da 39 anni! Buona serata!

    • wwayne ha detto:

      Che bella storia la vostra! Mi fa molto piacere che tu non ti sia fermata alla prima impressione, e abbia deciso di dare una seconda chance a tuo marito: come hai detto tu stessa, è stata una decisione più azzeccata che mai.
      Sono contento anche di averti convinta a leggere il libro, perché è davvero un romanzo straordinario. Sono convinto che lo adorerai anche tu. Grazie mille per questo splendido commento, e buona serata anche a te! : )

  29. ilnonluogodiemily ha detto:

    ma sei proprio una bella persona! mi sono letta un bel po’ di post e ho scoperto un sacco di libri interessanti…tornerò a trovarti, grazie di esserti palesato, ho fatto una bella scoperta

  30. lapinsu ha detto:

    Non ho mai creduto al colpo di fulmine, anzi ho sempre pensato che se qualcuno o qualcosa ci piace dal primo istante è molto probabile che ce ne stuferemo prima. Viceversa, qualcuno o qualcosa che non ci piace subito ma abbiamo la pazienza e la costanza di conoscere, molto probabilmente finiremo con l’apprezzarlo.
    La mia vita è costellata di episodi del genere.
    Io e mia moglie ci siamo conosciuti molto prima di innamorarci, alcuni dei miei migliori amici quando li conobbi mi stavano addirittura sulle palle. Perfino Springsteen subì questa sorte: quando entrai in possesso per la prima volta di un suo album lo ascoltai distrattatamente e lo ignorai per mesi, salvo poi recuperarlo e far si che il Boss suonasse in pratica la colonna sonora della mia vita.
    Sono quindi pienamente d’accordo con la riflessione insita nel brillante incipit del tuo post: mai fermarsi alle apparenze, siano esse positive o negative, viceversa impegnarsi per andare oltre e individuare la vera sostanza che si nasconde dietro la forma.

    Conosco Connelly da tempo, non sono un suo grande lettore anche se ultimamente lo sto riscoprendo sia grazie alla serie tv che Amazon ha dedicato al suo personaggio più famoso (Bosch) sia ad alcuni tuoi suggerimenti tra cui proprio i romanzi con protagonista la detective Ballard. Ho letto il primo e l’ho gradito anche se, lo ammetto, non mi ha entusiasmato come un romanzo di Lehane (siamo però su due generi molto diversi, classico giallo contro il classico thriller), tuttavia a breve recupererò anche il secondo e lo farò per due ragioni:
    1) perchè il secondo romanzo incentrato su un detective solitamente è più bello del primo (da Holmes a Montalbano, la lista è sterminata)
    2) perchè lo hai etichettato come il migliore della serie quindi una chance se la merita!!!

    Ti farò sapere presto!!!

    PS: recentemente ho recuperato anche un giallo italiano di un autore che scrive da tempo ma è balzato agli onori della cronoca solo da pochi anni, ovvero Gianrico Carofiglio. Più precisamente ho letto UNA MUTEVOLE VERITA’, giallo semplice semplice che si legge in una giornata, tuttavia l’ambientazione è insolita (Bari) e il protagonista (Maresciallo Fenoglio).

    • wwayne ha detto:

      Ricordo che avevi sviluppato queste riflessioni anche in un tuo vecchio post (https://lapinsu.wordpress.com/2014/09/30/le-canzoni-sono-come-le-ragazze/). Sono andato a rileggerlo, e mi è piaciuto soprattutto questo passaggio:

      “Il meccanismo è semplice: se qualcosa ti piace subito è perché si tratta di qualcosa di semplice, che esprime pochi concetti e lo fa in maniera elementare. Incapace di fornire un qualunque spunto di riflessione o alimentare alcuna emozione, questo qualcosa smetterà presto di suscitare interesse perché avrà esaurito in breve tempo quel poco che aveva da offrire. Viceversa, se quel qualcosa è complicato allora richiederà più tempo e più attenzione per essere compreso, metabolizzato ed apprezzato, ma poi non smetterà più di dare piacere e alimentare interesse. Le soddisfazioni saranno più durature e la noia difficilmente troverà spazio.”

      Queste parole mi trovano totalmente d’accordo. Aggiungo che mi hanno fatto pensare all’eterno duello tra i film della Marvel e quelli della DC, un confronto dal quale questi ultimi escono vincitori proprio per il motivo che hai detto tu: i cinecomics della Marvel sono dei film “usa e getta”, che magari ti divertono un mondo per le 2 ore circa della loro durata, ma appena finiscono i titoli di coda te li sei già scordati; quelli della DC invece sono dei cinecomics molto più profondi, e quindi non solo non te li scordi, ma ti fanno anche venire voglia di rivederli.
      Ti ringrazio per aver portato alla mia attenzione “Una mutevole verità”. Come sai anch’io adoro i libri che si lasciano leggere tutti d’un fiato, quindi le parole con cui l’hai descritto mi hanno conquistato: lo prenderò oggi stesso in biblioteca.
      Tornando a Connelly, da quando ho pubblicato il post ho letto altri 2 suoi libri: La ragazza di polvere e Avvocato di difesa. Dopo aver finito quest’ultimo ho cercato delle informazioni in rete, e ne ho scoperta una che mi ha folgorato: non solo ne hanno tratto un film (The Lincoln Lawyer), ma in quel film recita un ruolo importante la nostra amatissima Marisa Tomei. Voglio vederlo già questo fine settimana! : )

  31. lapinsu ha detto:

    Ho visto THE LINCOLN LAWYER parecchio tempo fa e non ne ho il minimo ricordo, neppure che la Tomei fosse nel cast, il che significa che il film non mi ha affatto impressionato. Consultando il mio archivio su IMDB ho visto che l’ho valutato con uno striminzito 6, tuttavia il giudizio complessivo è molto più alto quindi forse sono stato io a giudicarlo in maniera troppo severa.
    A questo punto mi conviene di più recuperare il libro, che probabilmente sarà ancora più bello del film.

    A proposito di autori di gialli, volevo sapere se ti è mai capitato di leggere qualcosa di CARLO LUCARELLI. Io mi sono avvicinato ai suoi romanzi perchè grande appasionato di Coliandro (personaggio partorito dalla sua penna ma che in reatà compare solo in un paio di racconti, il resto è tutta TV) e ho scoperto un personaggio delizioso, il COMMISSARIO DE LUCA. Di questi romanzi (in tutto ne ha scritti 5) ti segnalo due fattori che me li hanno fatto aprezzare molto:
    1) sono ambientati nell’Italia fascista o nell’immediato dopoguerra, il che dà anche un tocco di romanzo storico al tutto
    2) sono gialli esemplari dal punto di vista stilistico

    Tra le altre cose, vanno in crescendo: il primo è senz’altro quello di meno valore, l’ultimo invece (L’inverno più nero) è uno dei romanzi migliori che ho letto nel 2020.

    • wwayne ha detto:

      Io invece non saprei dire qual è stato il romanzo migliore del mio 2020, perché ne ho letti davvero tanti. E infatti questo è già il mio terzo post letterario di fila: di norma è già tanto se ne pubblico uno in tutto l’anno.
      Sicuramente questo dipende anche dal fatto che tutti i film più attesi sono stati rimandati al 2021, e quindi sto dedicando alla lettura un sacco di tempo che normalmente destinerei al cinema.
      Riguardo a Carlo Lucarelli, molti anni fa lessi Almost Blue: ricordo che anche in quel caso si trattava di un giallo atipico, perché l’intento dell’autore era non tanto sviluppare un’indagine, quanto piuttosto far capire al lettore com’è il mondo di una persona non vedente dalla nascita. Insomma, in fondo Almost Blue non è un romanzo giallo, anzi non è un romanzo punto e basta, ma è soprattutto un esercizio di stile. E forse è proprio per questo che dopo quel libro non ho più incrociato Lucarelli: perché preferisco i romanzi semplici nella forma e ricchi nella sostanza, e quel libro era esattamente l’opposto.
      Tuttavia, da quel che mi dici Lucarelli è migliorato con l’età, quindi potrei tranquillamente dargli una seconda chance, magari partendo proprio da L’inverno più nero. Se lo leggerò, sarai il primo a saperlo! : )

  32. Marsi's postcards ha detto:

    Eccomi….a volte torno 🙂 Mi hai anticipato il mio nuovo autore. Durante il lockdown ovvero tra marzo e luglio ho finito di leggere tutti i libri di Jo Nesbø (Harry Hole incluso). Più che leggere direi gli ho divorati.

    Detto questo, pensavo di iniziare da Detective Hieronymus “Harry” Bosch ma ora mi hai ribaltato il piano.
    E ora, come faccio? 😀

    • wwayne ha detto:

      Ti do un’ottima notizia: ne “La notte più lunga” c’è anche Harry Bosch! 🙂 Anche lui è un personaggio straordinario: vedrai che i suoi romanzi ti piaceranno moltissimo.
      Da toscano ho adorato il tuo post sul Palio di Siena, quindi metto il link qua nel mio blog, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://memoriesofapostcard.wordpress.com/2019/07/04/palio-genius-loci/. Grazie mille per il tuo graditissimo ritorno nel mio blog! : )

      • Marsi's postcards ha detto:

        Ehehe …si ma io devo proprio iniziare a leggerli questi. Quindi che fo, inizio con Bosch o da Renée Ballard?! 😀

        Grazie del link share: quest’anno è andato come è andato per il Palio. Vediamo di “rabbrividirsi” il prossimo.

      • wwayne ha detto:

        Ti consiglio di iniziare da “La notte più lunga”; se invece vuoi partire da un romanzo in cui c’è solo Bosch, allora punta su “La bionda di cemento”. Incrociamo le dita per il prossimo Palio! : ) A presto! : )

  33. Mind ha detto:

    Ciao, ho visto che segui il mio blog, volevo scambiare due chiacchiere con te, buonagiornata ciao!

  34. Antartica ha detto:

    Ciao, Wwayne. Ti lascio un piccolo OT. Tempo fa mi hai lasciato dei titoli e dei gruppi anni ’70. Ne ho fatto un post.
    https://questomondoaparte.wordpress.com/2020/10/04/back-to-70s/
    Grazie ancora per quelle dritte. 🙂

    Buona serata. .:-)

  35. Antartica ha detto:

    Apetta! Cancella questo mio commento; ti lascio il link giusto.

  36. Antartica ha detto:

    A posto. Errore mio.

  37. Sam Simon ha detto:

    Divertente l’aneddoto del combattente medievale toscano con il ciclo! Ma non conosco l’autore di cui parli… Me lo segno! Con Natale alle porte arriveranno libri e regalerò libri, quindi consigli sono bene accetti!

  38. David Di Luca ha detto:

    Spesso amori e passioni sono come fiumi carsici. Un seme viene piantato, e mette radici sotterranee. La pianta poi sbuca fuori quando meno te lo aspetti. Pare che ci sia una specie, credo di bambù. che mette radici per circa un decennio prima di spuntare dal terreno. E’ il bello della vita. Non sai mai cosa può capitare anche fra cinque minuti…

    • wwayne ha detto:

      Hai fatto davvero un bellissimo paragone: hai detto bene, alcuni sentimenti ci mettono molto a germogliare, ma poi quando sbocciano diventano solidi come una quercia. Spero che l’amore tra il mio amico e la sua fidanzata si riveli altrettanto incrollabile. Grazie mille per quest’ottimo commento, e buona Domenica! : )

  39. Devo dire che sei per me una scoperta davvero molto interessante!
    Complimenti!

  40. luisa zambrotta ha detto:

    Bella recensione e ancor più bella introduzione! ❤️

  41. tachimio ha detto:

    Ehilà- là credevi forse che fossi sparita ? Mio caro c’ è motivo per questo mio lungo silenzio. E’ stato un lungo periodo di sofferenza, conclusosi nel peggiore dei modi purtroppo. Ho perso mio nipote, figlio di mio fratello di 35 anni, per un tumore. Tutto durante il lockdown. Da fine marzo all’ 11 agosto. Terribile. Sono tonata a girare un po’ tra i blog piano piano. Ma certo è per me non facile riprendere il ritmo di prima. Comunque vorrei lasciarti dei link dove ho parlato di Ricky. Mi piace l’idea di fartelo conoscere. E’ ciò che mi rimane di lui, raccontare chi fosse. Scusa la mia sfacciataggine. Ti abbraccio forte. La tua amica. Isabella

    https://isabellascotti.wordpress.com/2020/08/18/ora-tutto-e-compiuto/

    https://isabellascotti.wordpress.com/2020/08/30/auguri-caro-ricky/

    https://isabellascotti.wordpress.com/2020/09/10/il-tempo-e-galantuomo-dicono/

    • wwayne ha detto:

      Ricordavo il terribile lutto che ti ha colpita, e infatti fui il primo a commentare il tuo post intitolato “Ora, tutto è compiuto”. Non sei stata affatto sfacciata, anzi fai benissimo a far conoscere il più possibile tuo nipote: anch’io nei tuoi panni cercherei di perpetuarne il ricordo il più possibile.
      Mi fa molto piacere che tu abbia ricominciato a girare un po’ tra i blog, perché significa che hai già cominciato a reagire. Anch’io ti abbraccio fortissimo e spero che ci risentiremo presto, nel mio blog o nel tuo. Con affetto, wwayne

      • tachimio ha detto:

        Sai che avevo un dubbio sul fatto che fossi stato da subito tu per primo a starmi vicino ? Solo che non sono andata a cercare tra i commenti, sono solo stata presa da una voglia terribile di parlarne ancora. Qui solo attraverso i miei post posso farlo e tu mi perdonerai se ti sono sembrata invadente. Carissimo ho lacrime che ancora scendono da sole se mi fermo a pensare a quel periodo, ma come dici tu bisogna reagire. Vedere mio fratello ogni tanto sorridere mi fa bene, ma poi penso che è solo una facciata, perché è morto dentro. Per non parlare di mia cognata che in questo momento non sta neanche troppo bene. Noi tutti cerchiamo di tirare avanti alla meglio, ma come è difficile anche per questo maledetto coronavirus che ci impedisce di stare vicini come vorremmo. Grazie per il tuo sostegno wwayne. Sai che ti voglio bene. Un caro abbraccio con affetto. Isabella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...