Amici per sempre

Chi non è mai stato a Udine non può capire cosa rappresenti per i suoi abitanti piazza Matteotti. Andai in quella città per assistere ad un concerto: era un fine settimana, quindi mi stupì moltissimo vedere che le strade erano tutte completamente deserte. Poi io e i miei amici arrivammo appunto in piazza Matteotti, che invece era stracolma: pensavamo che ci fosse un evento, invece scoprimmo che gli udinesi si riuniscono lì tutti i week – end, e danno libero sfogo a tutta la loro allegria e gioia di vivere. Appena entri lì hai la sensazione di essere capitato in una città spagnola, per l’atmosfera festosa che si respira e per l’estrema socievolezza di chi la frequenta.
Io e i miei amici saremmo dovuti ripartire la mattina dopo il concerto, ma rimanemmo così conquistati da quella piazza che decidemmo di restare per tutto il fine settimana. Non sono più tornato a Udine e forse mai ci tornerò, ma mi resterà sempre il ricordo di quel week – end perfetto, passato in ottima compagnia nel miglior posto possibile.
Io e quel gruppo di amici ci siamo rivisti qualche giorno fa: siamo andati al cinema, e abbiamo visto Borg McEnroe. Non potevamo scegliere occasione migliore per ritrovarci.
Il film parte subito in quarta, facendoci capire fin dalla prima scena quale sarà il punto centrale della trama: la finale di Wimbledon del 1980, in cui si scontrarono per la prima volta i due tennisti più forti del mondo: Borg e McEnroe, appunto. A rendere appassionante la sfida non è soltanto l’assoluta parità di talento tra i due finalisti, ma anche il fatto che si scontrino due modi opposti di vivere il tennis e la vita in generale: Borg è il classico nordico posato, equilibrato, metodico, che gioca con freddezza e non lascia mai trasparire nessuna emozione; McEnroe invece è tutto genio e sregolatezza, vive sempre a cento all’ora e mette la sua bruciante passione in tutto quello che fa. Così a seconda del proprio carattere allo spettatore verrà da tifare per l’uno o per l’altro fuoriclasse, e quindi a vivere la sfida da un diverso punto di vista.
Naturalmente il film non si limita ad una mera ricostruzione di quella finale: al contrario, il racconto viene spesso interrotto da dei flashback mai inutili e mai banali, che ci aiutano a conoscere meglio ciascuno dei due campioni e ad affezionarci ancora di più a loro. E il bello è che per tutto il film, flashback compresi, non viene mai meno quello che è il vero punto di forza di Borg McEnroe: l’atmosfera epica, la sensazione di trovarsi di fronte a dei giganti che stanno per fare qualcosa di grandioso. Chi esulterà alla fine dello spettacolo? Non posso dirvelo, naturalmente. Posso solo consigliarvi di andare a vedere Borg McEnroe: ne sarete deliziati.

Annunci
Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 100 commenti

Due come noi

Quand’ero bambino, c’era un genere cinematografico che stava dando i suoi ultimi, meravigliosi frutti: il buddy movie.
Nei film di questo genere c’erano due uomini (quasi sempre dei poliziotti) totalmente opposti tra loro: i due erano costretti a lavorare insieme per un breve periodo, durante il quale prima si odiavano, poi sviluppavano un certo feeling e alla fine si volevano bene come fratelli. Erano film in cui c’era la giusta dose di tutto: azione e comicità, botte e buoni sentimenti.
In Italia abbiamo avuto un filone d’oro di buddy movies, grazie alla splendida coppia formata da Bud Spencer e Terence Hill; tra quelli americani invece mi sono sempre piaciuti i film di Arnold Schwarzenegger e Danny De Vito. Tra l’altro Arnold era perfetto per questo genere, perché lui ci metteva i muscoli e le botte, e la sua spalla comica alleggeriva la situazione piazzando qualche battuta fulminante qua e là: non a caso ha fatto un buddy movie anche con Jim Belushi, il mitico Danko.
Ma tutte le cose belle devono finire. E così Bud Spencer e Terence Hill hanno preso strade diverse, Arnold ha iniziato una brillante carriera politica, e i buddy movies in generale sono stati sostituiti da altri generi di maggiore successo.
Tuttavia, sappiamo bene che a Hollywood niente rimane sepolto per sempre. Soprattutto adesso che di idee nuove non ce ne sono, e quindi è tutto un rimasticare cose già fatte. Così anche il buddy movie, che sembrava destinato a diventare un’anticaglia come il grammofono o la cabina telefonica, è tornato sulla cresta dell’onda: l’anno scorso ha dato segnali di risveglio con l’ottimo The Nice Guys, adesso ha battuto un altro colpo con Come ti ammazzo il bodyguard.
La trama di questo film è molto semplice: un dittatore dell’Est Europa (un sontuoso Gary Oldman) è sotto processo all’Aia per crimini contro l’umanità. Ovviamente ci sono un sacco di testimoni pronti a raccontare due o tre cosette su di lui, ma nessuno di loro ha delle prove concrete in mano, e quindi il suo avvocato ha gioco facile nel mettere in dubbio la loro credibilità.
Poi il pubblico ministero tira fuori un asso dalla manica, annunciando che ha trovato un nuovo testimone super attendibile: il sicario Darius Kincaid, che ha lavorato per l’imputato anni prima e ha una valanga di prove concrete a suo carico.
A quel punto il dittatore comincia a farsela nei pantaloni, e dà l’ordine di trovare il sicario e ucciderlo prima che possa testimoniare contro di lui.
Per fortuna però Darius può contare sul suo bodyguard, Michael Bryce: la seconda parte del film infatti si basa interamente sui disperati tentativi di Michael di tenere in vita il suo cliente, e soprattutto sul rapporto tra i due, che con il passare del tempo diventa sempre più profondo e ricco di risvolti comici. Riuscirà questa strana coppia ad arrivare all’Aia sana e salva? Non posso dirlo, naturalmente.
Come potete vedere, questo film è una riuscitissima combinazione di tanti ottimi elementi: la comicità, l’azione, la suspense tipica dei legal thriller… a tutto questo si aggiunge ovviamente la grande intesa tra i due protagonisti, che è il vero punto di forza di questo esilarante buddy movie.
Come ti ammazzo il bodyguard è uno di quei film da guardare quando hai bisogno di staccare la spina, e passare due ore in totale spensieratezza. Anzi, in realtà il suo effetto benefico dura anche più a lungo, perché nei giorni successivi ti viene da ripensare alle scene più divertenti e geniali, e scoppi a ridere come se tu ce le avessi ancora davanti agli occhi. C’è sempre bisogno di film così. E c’è sempre bisogno di un buon buddy movie.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 112 commenti

Il talento di mr. Spacey

All’interno di un film, ci sono tanti elementi che da soli possono bastare per farti uscire dal cinema con un sorriso stampato in faccia.
La colonna sonora, ad esempio: basta scegliere qualche canzone dal ritmo orecchiabile, disseminarle qua e là nei momenti topici del film, e lo spettatore sarà contento come se tu gli avessi fatto ascoltare una delle sue playlist preferite.
Anche un po’ di azione non guasta: non importa se la sceneggiatura è esagerata o inverosimile, se la storia è “movimentata” al punto giusto lo spettatore sarà comunque soddisfatto.
Ovviamente anche un bravo attore può essere determinante per le sorti di un film: non solo per la sua bravura, ma anche perché gli spettatori provano affetto per lui, e quindi gli basta vederlo apparire sullo schermo per andare in brodo di giuggiole.
Il massimo è quando tutti questi elementi sono racchiusi in un unico film: non capita quasi mai, ma quando succede è una vera goduria. A me è successo ieri sera, quando ho visto Baby Driver – Il genio della fuga.
La storia ruota attorno a Miles, un ragazzo che lavora come autista per un ricco signore di Atlanta. Oddio, autista è un bell’eufemismo: il suo datore di lavoro organizza rapine per noia, e Miles ha il compito di scarrozzare i suoi scagnozzi dalla banca al covo senza farsi beccare dalla polizia.
Tutto fila liscio come l’olio, finché un giorno Miles si innamora di Debora, la cameriera del bar in cui fa colazione tutte le mattine. Ovviamente lei è una brava ragazza, e non accetterebbe mai di stare con un gangster: per questo motivo Miles decide di darci un taglio con la sua vita criminale, e cominciare a rigare dritto.
Lui crede di aver chiuso con i suoi compagni di rapine, ma loro non hanno chiuso con lui, e lo costringono a partecipare ad un ultimo colpo. Ed è qui che arriva il bello: durante quest’ultima rapina il film mette in fila 10 scene una più imprevedibile e spettacolare dell’altra, che tengono lo spettatore su di giri e con il fiato sospeso fino all’ultimo minuto. Riuscirà Miles a terminare la missione e correre dalla sua bella, o la sua storia avrà un finale diverso?
Come potete vedere, la trama di questo road movie è molto avvincente, e da sola basterebbe a tirar fuori un ottimo film. In più ci sono tutte le perle che ho citato all’inizio: un’ottima colonna sonora, l’azione che non manca mai e soprattutto lui, Kevin Spacey, che anche in un piccolo ruolo come questo riesce ad illuminare la scena con tutta la forza del suo talento. Baby Driver sarebbe stato bello anche senza di lui? Sì. Ma con lui è tutta un’altra cosa.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 122 commenti

Amore mio, uccidi Garibaldi

Tra tutti i miei parenti, sono sempre stato particolarmente affezionato alla sorella di mia nonna. Lei era così innamorata di suo marito che anche dopo la sua morte conservava tutti i fogli e foglietti che lui le aveva scritto nel corso degli anni, anche i più minimali, come un biglietto su cui c’era scritto “Vado al bar a giocare a carte. Ti adoro.”
Uno dei miei più grandi sogni sarebbe quello di riuscire a raccogliere tutti questi fogli, e provare a ricostruire grazie ad essi la storia del loro amore. Probabilmente non lo farò mai, perché non sono uno scrittore, perché non ho il tempo per farlo e perché forse i loro figli non li hanno neanche conservati dopo la morte di entrambi.
Isabella Bossi Fedrigotti ha fatto qualcosa di molto simile, raccogliendo le lettere che i suoi bisnonni si sono scambiati alla fine dell’800. E che lettere: in quel periodo nonno Fedrigo si era arruolato come volontario nell’esercito austriaco, che cercava disperatamente di non far finire il Tirolo nelle mani di Garibaldi.
Così la storia di Fedrigo e di sua moglie Leopoldina finisce per assomigliare moltissimo a quella di Ulisse e Penelope, con lui impegnato a farsi onore nell’esercito senza rimetterci la pelle, e lei a struggersi nell’attesa del suo ritorno, con l’unica consolazione di potergli scrivere dieci, cento, mille lettere cariche d’amore e di speranza. Lui le risponde con altrettanto ardore, e la tiene costantemente aggiornata su ciò che gli capita in battaglia.
Come finirà il loro rapporto epistolare? Con il sospiratissimo ritorno a casa di Fedrigo, o con la fine di un grande amore? Non posso dirvelo, naturalmente. Posso solo consigliarvi di leggere Amore mio, uccidi Garibaldi: questo libro vi resterà dentro per sempre.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 119 commenti

Un film fuori dal comune

I cinecomics sono forse il genere cinematografico più amato degli ultimi 15 anni. Io all’inizio li ho seguiti con grande passione, ma poi il mio interesse ha cominciato a scemare, perché mi sembravano tutti uguali: un supereroe incontra un cattivo apparentemente invincibile, ma alla fine scopre il suo punto debole e lo sconfigge. Dopo essermi visto propinare questo canovaccio per 5 o 6 volte di fila mi sono stufato, e da allora sono andato a vedere un film di questo tipo soltanto se usciva un po’ fuori dai canoni del genere. E’ il caso ad esempio di Suicide Squad e Deadpool, che sono senza dubbio i cinecomics più politicamente scorretti di sempre, e proprio per questo hanno avuto un successo clamoroso. E’ anche il caso di Spider – Man: Homecoming.
Perché l’ultimo film dell’Uomo Ragno non è il tipico cinecomic? Perché lo sceneggiatore ha avuto un’idea geniale e coraggiosissima: trasformarlo in un teen movie.
Spider – Man: Homecoming è prima di tutto la storia di Peter Parker, che ha tutti i problemi tipici dell’adolescenza: la difficoltà di conciliare studio e attività extrascolastiche, le incomprensioni con chi gli sta vicino (gli adulti in primis), l’incapacità di dichiararsi alla ragazza per cui ha una cotta… il film si concentra soprattutto su questo lato del personaggio, e così facendo lo fa sentire vicinissimo a noi, perché le esperienze che sta attraversando le abbiamo vissute tutti, e le ricordiamo sempre con piacevole nostalgia.
Naturalmente non mancano le parti “con il costume”, e anche quelle si elevano al di sopra di un normale cinecomic: infatti il cattivo che l’Uomo Ragno deve affrontare non è il solito psicopatico affetto da deliri di onnipotenza, ma un uomo perfettamente razionale che ha scelto lucidamente di stare dalla parte del male, e sotto un certo punto di vista le sue motivazioni possono apparire non solo sensate, ma perfino nobili. Il villain di questo film ha lo spessore e la tragica grandezza di un personaggio Shakespeariano, e quindi lo spettatore non lo vede mai come un semplice pazzo da sbattere in cella: al contrario, in certi punti del film viene quasi da tifare per lui.
Insomma, Spider – Man: Homecoming è in pratica due film in uno: un teen movie con protagonista Peter Parker, un cinecomic con protagonista il cattivo. E da qualunque lato lo si voglia analizzare, è senza dubbio un film fuori dal comune: ve lo raccomando senza esitazioni.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 124 commenti

Bella e maledetta

Il Macbeth è un’opera maledetta. Da secoli chiunque la reciti a teatro va incontro alle più tremende sciagure: è come se questa tragedia portasse dentro di sé il fantasma di una maledizione, che si diffonde come un virus tra tutti coloro che decidono di metterla in scena. Nel ‘600 la scia di sangue che quest’opera si portava dietro era già così inquietante da indurre il re Giacomo I a bandirla da ogni teatro per 5 anni: non ce n’era bisogno, perché i teatranti stessi si astennero dal recitarla addirittura fino al 1703. E quando il Macbeth tornò sul palcoscenico, a Londra si scatenò una delle più gravi tempeste nella storia della città: la regina Anna non ci mise molto a fare 2 + 2, e ordinò addirittura la sospensione di tutti gli spettacoli teatrali per una settimana.
La maledizione del Macbeth non conosce confini, e quindi nell’800 si spostò fino in America: nel 1849, durante le prove dello spettacolo a New York, scoppiarono dei tumulti che causarono 22 morti e parecchi feriti.
Nel 1937 uno dei migliori attori Shakespeariani di sempre, Laurence Olivier, decise di cimentarsi in una delle poche tragedie del vecchio William che lui non aveva ancora interpretato. Non l’avesse mai fatto: lui perse la voce, il regista morì in un incidente d’auto e l’attrice che interpretava sua moglie rimase gravemente ustionata.
Questi sono solo alcuni dei tanti episodi cruenti causati da questa tragedia. Il professor Peter Lund li conosce tutti, eppure ha deciso di sfidare la sorte, scegliendo proprio il Macbeth come opera da rappresentare alla recita di fine anno. I suoi ragazzi (una classe all’ultimo anno di liceo) sono tutti piuttosto bravi, ma l’attrice principale, Hattie Hoffman, ha qualcosa in più rispetto a loro: non è semplicemente talentuosa, è proprio brillante, quel genere di attrice che quando appare sul palcoscenico fa scomparire tutti gli altri.
Ovviamente è anche la ragazza più carina, e la studentessa più intelligente: Peter non ci mette molto ad innamorarsi, e lei lo ricambia senza nasconderlo, anzi lo corteggia in modo sempre più spudorato. Lui alla fine cede, e i due iniziano una relazione clandestina.
Poi un giorno Hattie viene trovata uccisa a coltellate. Il detective che indaga sulla sua morte è un tipo sveglio, quindi nel giro di pochi giorni scopre ogni cosa sulla relazione che aveva con il suo professore. Tuttavia, non è del tutto convinto che Peter sia il colpevole: conosce bene Pine Valley, e sa che in quel paese pieno di invidie una ragazza perfetta come Hattie Hoffman doveva aver attirato molte antipatie. Chi è stato ad ucciderla? Un professore disperato che cercava di salvare il suo lavoro e il suo matrimonio, o uno dei tanti che vedevano Hattie come il fumo negli occhi?
L’ultima sera di Hattie Hoffman è un libro che non ti fa dormire. Non perché ci siano delle scene cruente, ma perché l’ossessione di sapere chi è l’assassino ti divora sempre di più pagina dopo pagina, ed è scritto così bene che non riesci a mollarlo neanche per un secondo. L’autrice (Mindy Mejia) è bravissima non soltanto nel far salire alle stelle la curiosità del lettore, ma anche nel raccontare la storia da vari punti di vista: quello della stessa Hattie, che ci racconta in prima persona cosa è successo prima della sua morte; quello di Peter, che ci racconta come è nata la storia con la sua studentessa preferita; quello del detective, che mette insieme i pezzi del puzzle con grande intuito e pazienza, confidando nel fatto che alla fine la verità verrà a galla e la giustizia trionferà. Poi ci sono tutti i personaggi di contorno, tutti i compaesani di Hattie, che mal tolleravano il fatto che lei fosse così superiore a tutti gli altri. E’ stato il suo professore ad ucciderla, o il colpevole è da cercare in mezzo a loro? Non posso dirlo, naturalmente. Posso solo consigliarvi di leggere L’ultima sera di Hattie Hoffman: è davvero un libro eccezionale.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 145 commenti

Nessuno come lui

winner-242Adoro i feel good movies. Sono quelle commedie che non contengono nessuna battuta portentosa, ma con la loro atmosfera incantevole ti trasmettono una sensazione di profondo benessere dal primo all’ultimo minuto. Sono quei film che guardi quando ti va tutto storto, e proprio per questo hai bisogno di qualcosa che ti infonda ottimismo, che ti faccia capire che, nonostante tutto, la vita è proprio bella.
Di norma queste commedie hanno una forte vena romantica (penso ad esempio a Pretty Woman), ma ogni tanto capita qualche film che riesce a cambiare le carte in tavola, e ad intrattenere lo spettatore con una tattica meno scontata. Lo stagista inaspettato è uno di questi film.
La trama ruota attorno a Ben, un anziano annoiato dalla pensione che riesce a farsi assumere in una ditta di e – commerce. All’inizio tutti lo trattano come l’ultima ruota del carro, convinti che in un’azienda così tecnologica lui ci stia come il cavolo a merenda. Con il tempo tuttavia lui riesce non soltanto a ritagliarsi il suo spazietto, ma addirittura a diventare un punto di riferimento per l’intera azienda: e non tanto per il suo cervello, quanto piuttosto per la sua sensibilità, che lo porta a diventare un secondo padre per tutti i suoi colleghi.
Tra tutti i suoi compagni di avventura, quella che ha più bisogno del suo aiuto è la sua boss: la sua vita privata e professionale sta andando a rotoli, e soltanto un uomo con la sua saggezza può aiutarla a mettere le cose a posto. Basteranno i suoi sforzi per risolvere tutto? E in che modo potrebbe riuscirci? Non posso dirvelo, naturalmente.
Soltanto Robert De Niro avrebbe potuto interpretare questo ruolo. Nessuno come lui infatti sa entrare in un film in punta di piedi, talvolta anche in un ruolo secondario, e rubare la scena a tutti in men che non si dica. L’ha fatto anche ne Lo stagista inaspettato: all’inizio sembra destinato a fare da spalla alla sua boss, e invece diventa lui il vero trascinatore, l’unico e solo protagonista del film.
Dietro a Lo stagista inaspettato si coglie anche la mano di Nancy Meyers, che ormai è una vera esperta dei feel good movies: prima di questo film infatti ci aveva già regalato What Women Want e L’amore non va in vacanza. Avrebbe potuto continuare sul filone delle commedie romantiche, e invece ha scelto di farci stare bene parlando di un altro argomento: la bellezza di far parte di una squadra, e di stare in un ambiente dove ci si aiuta l’un l’altro come un’unica grande famiglia. Lo stagista inaspettato è quindi un film sull’altruismo, e sul benessere che provi quando ti accorgi che le tue azioni hanno avuto effetti positivi sulle persone a cui vuoi bene. C’è sempre bisogno di film così. E c’è sempre bisogno di Robert De Niro.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 151 commenti