Un uomo coraggioso

Viviamo in un’epoca piena di grandi divi. C’è George Clooney, che alla bellezza aggiunge anche un bel po’ di savoir faire e devozione alle cause umanitarie; c’è Leonardo Di Caprio, che con i suoi occhioni blu fa sospirare le spettatrici da oltre vent’anni; c’è Joaquin Phoenix, che irretisce le donne con la sua aria da uomo tormentato che non sorriderebbe neanche se Margot Robbie gli scrivesse il suo numero sul petto. E sono solo i primi nomi che mi sono venuti in mente.
Questi attori sono riusciti a diventare dei divi e a restare tali non soltanto per la loro bellezza, ma anche per la loro intelligenza: ognuno di loro si sceglie i copioni con oculatezza, e difficilmente sbaglia. Tuttavia, a Hollywood c’è un divo che è riuscito a rimanere tale pur avendo sbagliato decine di film, perché nessun flop riuscirà mai a scalfire lo status di icona pop che si è guadagnato fin da giovanissimo. Quell’attore è John Travolta.
La carriera di quest’attore è stata una vera e propria montagna russa: partì a razzo negli anni 70 con Grease e La febbre del sabato sera, passò gli anni 80 lavorando poco e male, resuscitò negli anni 90 con Pulp Fiction, e da allora è stato un continuo alternarsi di moderati successi e flop clamorosi. Insomma, probabilmente non vincerà mai l’Oscar alla carriera, ma lui non ha bisogno della statuetta per entrare nella storia del cinema: il suo Oscar lo vince ogni volta che esce di casa, e si accorge che per strada c’è un ragazzino con la maglietta di Pulp Fiction o l’acconciatura di Tony Manero.
Tra tutti i suoi film, il mio preferito è uno che non conosce quasi nessuno: Nella valle della violenza. In quel film lui non è neanche il protagonista, ma quei pochi minuti in cui appare sullo schermo gli sono bastati per lasciare il segno più di tutti gli altri attori messi insieme. Perché loro sono dei bravi attori, ma lui è John Travolta.
Dopo aver visto Nella valle della violenza, pensai che con quel film lui avesse raggiunto la cima della montagna: a mio giudizio non avrebbe più trovato un personaggio così gigantesco, e non sarebbe mai riuscito a recitare meglio di così. Sono tuttora di quest’opinione, ma anche Speed Kills è senza dubbio un’altra perla della sua filmografia.
Questo film ruota attorno ad un imprenditore semplicemente geniale, Ben Aronoff. E’ partito vendendo motoscafi, ma poi con la sua intelligenza è riuscito a creare un vero e proprio impero, e adesso le sue barche sono le più eleganti di tutta Miami. Il problema è che i soldi per partire glieli ha dati la mafia: di conseguenza i suoi vecchi amici vogliono una fetta della torta, e pretendono anche di usare le sue barche per trasportare la droga via mare. Ben si rifiuta ostinatamente di scendere a patti con loro: non tanto per onestà, quanto piuttosto perché è uno spirito libero, e non sopporta di dover sottostare ai loro ordini.
La polizia conosce perfettamente questi dettagli, e offre a Ben la possibilità di liberarsi da questi scocciatori testimoniando contro di loro ad un processo. Lui accetta: questa decisione innesca una reazione a catena piena di eventi spettacolari e imprevedibili, che non vi riassumo per ovvi motivi.
Come avrete intuito, il punto di forza di Speed Kills è senza dubbio il suo protagonista: la sua genialità di imprenditore, il carattere con cui tiene testa ai mafiosi senza farsi intimidire e il coraggio con cui sceglie di testimoniare contro di loro sono qualità che colpiscono profondamente lo spettatore, e lo portano a fare per lui un tifo sfegatato. Come andrà a finire il suo braccio di ferro con la mafia? Non posso dirvelo, naturalmente. Posso solo consigliarvi di vedere Speed Kills: non ve ne pentirete.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

157 risposte a Un uomo coraggioso

  1. maxilpoeta ha detto:

    confermo la grandiosità assoluta di questo Attore che ammiro già da quando ero bambino, e la febbre del sabato sera era un po’ la nostra voglia di farci vedere, di sballarci. Ho visto “Pulp fiction” ma non l’ultimo che hai segnalato. Ad ogni modo sono dell’idea anch’io che sia uno dei migliori attori di tutti i tempi, sa entrare nei personaggi come pochi!! E’ il numero uno!! 😉

    • wwayne ha detto:

      Mi fa molto piacere che tu condivida la mia stima per John Travolta. Tra tutti i suoi film è molto bello anche Shout: volendo essere maligni lo si potrebbe definire una scopiazzatura de L’attimo fuggente, ma a me è piaciuto tantissimo lo stesso.
      A proposito di Pulp Fiction, ti consiglio questo splendido film sullo stesso genere: https://wwayne.wordpress.com/2015/10/04/ti-aiutiamo-noi/. Grazie per il commento! : )

  2. Evaporata ha detto:

    Anch’io ammiro John Travolta, purtroppo ho visto solo i suoi film più famosi. Cercherò questi, grazie per la dritta. 😃

  3. Speranza ha detto:

    Travolta è un attore coraggioso perché nella vita ha sofferto molto: quando era giovane età morta la fidanzata, un attrice molto più grande di lui, pochi anni fa è morto annegato il figlio autistco. La vita lo ha segnato profondamente, ma lui va avanti con i suoi film, belli e brutti. Questo consigliato da te è bello.

    • wwayne ha detto:

      Sapevo del figlio, ma non della fidanzata. Mi dispiace moltissimo che John Travolta abbia sofferto così tanto, e come hai detto tu il fatto che abbia saputo risollevarsi dopo questi lutti la dice lunga sulla sua grandezza umana prima ancora che artistica.
      Ho letto il tuo ultimo post letterario e mi è piaciuto tanto, quindi metto il link qua nel mio blog, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://vitadisperanza.com/2020/02/14/quel-che-affidiamo-al-vento-di-laura-imai-messina-un-libro-che-fa-bene-al-cuore/.
      Tra l’altro, se ti va di leggere altri libri ambientati in Giappone, questo mio post potrebbe darti degli spunti: https://wwayne.wordpress.com/2011/01/31/big-in-japan/. Grazie per il commento, e buona Domenica! : )

      • Speranza ha detto:

        Grazie! Anche del link. Mi sto appassionando alla cultura giapponese. Buona domenica a te

      • Array ha detto:

        La fidanzata era l’attrice Diana Hyland, morta a 41 anni. Era la mamma dei primi episodi della Famiglia Bradford, che vennero trasmessi con il titolo “Otto bastano”. Per problemi di diritti televisivi, in Italia non sono mai stati più trasmessi dagli anni ottanta. Ricordo di averli visti e mi piacerebbe rivederli.

      • wwayne ha detto:

        Su ebay si trova di tutto, prova lì. Tra l’altro noto da Wikipedia che La famiglia Bradford fece da trampolino di lancio a Ralph Macchio, che io ricordo con affetto per la sua partecipazione al divertentissimo Mio cugino Vincenzo: se non hai visto questo film, te lo consiglio caldamente! : )

    • Speranza ha detto:

      Rileggo il commento pieno di errori. Odio il t9 e me stessa quando non rileggo prima di inviare.

  4. verbaimagines ha detto:

    Non sapevo di questo speed kils, da recuperare volentieri.

  5. lapinsu ha detto:

    Ricordo che mi consigliasti questo film già qualche settimana fa: il tono entusiasta con cui me ne parlasti mi incuriosì e corsi a dare un’occhiata alla pagina imdb del film. Rimasi di sasso quando mi notai il voto medio dato dagli utenti: 4.1. Scartabellando in giro ho notato che tutti i giudizi su questo film oscillano tra “orrendo” e “disgustoso” tuttavia tu non solo sei coerentemente rimasto sulla tua posizione ma addirittura ne hai scritto un post per condividere un pensiero che, verosimilmente, potrebbe risultare impopolare e in pochi apprezzeranno.
    Ma questa apparente debolezza è la forza tua e di questo blog, perchè la pervicacia con cui proponi e tessi le lodi di film sconosciuti o, peggio ancora, derisi dai più evidenzi in toto la tua onestà intellettuale e la passione disincantata con cui ti avvicini al cinema.
    Perdonami per l’incipit un po’ mieloso ma ci tenevo a scrivere queste cose.

    Ora entro nel dettaglio.
    Non ho visto Speed Kills e non so se lo vedrò, ovviamente non per i giudizi negativi ma perchè è un tipo di produzione che raramente ho apprezzato in passato (action movie di serie B con una vecchia gloria di Hollywood e un cast di carneadi, affidati alle mani di un regista esordiente e uno sceneggiatore a corto di idee).
    Tuttavia c’è una frase del tuo post che mi ha letteralmente conquistato
    probabilmente non vincerà mai l’Oscar alla carriera, ma lui non ha bisogno della statuetta per entrare nella storia del cinema: il suo Oscar lo vince ogni volta che esce di casa, e si accorge che per strada c’è un ragazzino con la maglietta di Pulp Fiction o l’acconciatura di Tony Manero.
    E quindi mi permetto i citare 3 film di John Travolta forse sconosciuti ai più ma che considero non solo meritevoli di visione ma addirittura tra le sue migliori performance in assoluto:

    Killing Season: thriller mozzafiato nel quale il nostro John è l’antagonista addirittura di John Travolta. La produzione non è hollywodiana quindi risulta spartana, tuttavia la sceneggiatura è ottima e il carisma dei due protagonisti fa il resto.

    Pelham 1 2 3 – Ostaggi in metropolitana: una delle ultime opere di Tony Scott prima del suicidio, non il suo film migliore ma senz’altro adrenalico. Qui tra l’altro John si cimenta in un ruolo complicato perchè interpreta un villain molto violento e senza alcun codice etico

    La figlia del generale: tratto da un romanzo di Nels DeMille (che lessi eoni fa ma che ricordo ancora con piacere) è un bel fil di genere crime nel quale Travolta dà il meglio di sè perchè riesce ad alternare scene di tensione o azione con scene più leggere e talvolta perfino divertenti. Tra l’altro segnalo che il regista del film è il sempre cazzutissimo Simon West e che la protagonista femminile è Madeleine Stowe, splendidamente immortalata alla soglia dei 40 e ancora bellissima, prima che gli anni e (soprattutto) il chirurgo estetico rovinassero la sua bellezza.

    Buona domenica!!!!!!

    • wwayne ha detto:

      Come ho cercato di far capire nel post, anche secondo me i migliori film di John Travolta sono quelli che paradossalmente non ha visto quasi nessuno. Quelli da te citati ad esempio me li sono persi tutti e 3, e mi interessa soprattutto l’ultimo, perché anch’io ricordo con affetto Simon West: non tanto per I mercenari 2 (che anzi considero il capitolo più debole della trilogia), quanto piuttosto per Joker – Wild Card, al quale dedicai anche una recensione quando uscì al cinema (https://wwayne.wordpress.com/2015/10/04/ti-aiutiamo-noi/).
      Un altro motivo per cui La figlia del generale mi intriga così tanto è la compresenza di azione e comicità: adoro gli action movies che non si prendono troppo sul serio, quindi lo guarderò sicuramente. Non oggi però: stasera danno Il principe cerca moglie su Italia 1, e pur conoscendolo a memoria non me lo perderei per niente al mondo. Grazie mille per tutti questi consigli cinematografici, e buona Domenica anche a te! : )

  6. La Grazia ha detto:

    La fidanzata di Leonardo di Caprio se scavi nella sua pagina Facebook aveva due tigrotti bianchi in casa altro che ambientalista !!!!! John Travolta sta meglio calvo lo vidi a Che tempo che fa.
    Certo è che sai scrivere ! Fai appassionare a ogni cosa
    Il post precedente questo lo passo a mio figlio ha buon gusto in fatto di bellezza femminile

  7. lisa ha detto:

    A me è sempre piaciuto tantissimo.
    E ho visto(e rivisto) tutti i suoi film ma quelli citati da te non ancora . Rimedierò! 😊

    • wwayne ha detto:

      Come ho cercato di far capire nel post, anche secondo me i migliori film di John Travolta sono quelli che paradossalmente non ha visto quasi nessuno. Oltre a quelli che ho citato nell’articolo ti consiglio di recuperare anche Shout, perché secondo me ti piacerebbe ancora di più.
      Ho curiosato un po’ nel tuo blog, e appena ho letto il tuo ultimo post mi si è allargato il cuore: mi ero totalmente scordato della canzone che hai messo in fondo all’articolo, ma appena l’ho fatta partire mi sono tornati a galla tanti splendidi ricordi. Metto il link qua nel mio blog, nella speranza che il tuo post venga apprezzato anche dai miei lettori: https://solochezmoi.wordpress.com/2020/02/29/per-calmare-lanima/. Grazie per il commento, e buona Domenica! : )

      • lisa ha detto:

        Shout forse l’ho visto ma lo metto assieme agli altri due perché invecchio e non ricordo bene.Grazie per l’info 😊.
        E grazie per essere passato da me.
        Felice che ti sia piaciuto qualcosa .
        Serena domenica anche a te.

  8. SaraTricoli ha detto:

    Un grande attore che probabilmente non è stato sempre considerato tale da quel mondo stellato.
    Per me un mito ❤️

    • wwayne ha detto:

      Mi fa molto piacere che tu condivida la mia passione per questo grande attore. Come hai detto tu, spesso non è stata data la giusta considerazione né a lui né ai suoi film: ad esempio, negli ultimi anni ne ha girati 3 bellissimi (questo, Nella valle della violenza e Gotti), eppure sono passati tutti e 3 inosservati. Spero di aver contribuito nel mio piccolo a dargli almeno un briciolo di visibilità.
      Comunque, se vuoi approfondire la tua conoscenza di John Travolta, piuttosto che i 3 film che ti ho appena citato ti consiglio di riscoprirne uno un po’ più vecchiotto: Shout. E’ un film molto semplice, ma è davvero delizioso. Grazie per il commento! : )

  9. maxcalasi ha detto:

    A me è piaciuto tanto in: una canzone per Bobby Long

  10. lepastelbleu ha detto:

    molto bravo ma, parere femminile personalissimo, per me non “sex symbol”…il più bello di tutti i tempi? Andy Garcia giovane…poi gli è spuntata una faccia da grasso topone…

  11. Demonio ha detto:

    Sempre piaciuto anche a me! Speed Kills l’ho visto e l’ho trovato un film ben fatto e lui ha decisamente interpretato alla grande il ruolo.

    • wwayne ha detto:

      Ero convinto che questo film non lo conoscesse nessuno, invece sei già il secondo blogger che mi scrive di averlo visto e apprezzato. E’ stata davvero una splendida sorpresa! : )
      Come sai ho adorato il tuo ultimo post, quindi metto il link qua nel mio blog, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://klaudiomi.wordpress.com/2020/02/28/cosa-ha-detto/. Grazie per il commento, e buona Domenica! : )

      • Demonio ha detto:

        E sai, io purtroppo non sono tipo da cinema ma i film mi piace guardarli per cui opto per la strategia peschereccio…getto le reti, raccolgo film, li salvo e poi in treno, tra un lavoro e l’altro li guardo. A volte sono emerite minchiate, altre volte becco bei film. La cosa bella è che guardandoli senza conoscerli e sempre senza l’influsso della pubblicità il mio giudizio è prettamente emozionale e genuino…mi piace=buon film….non mi piace=lo dimentico! 😀
        Grazie e buona domenica anche a te!

  12. pensieridimary ha detto:

    Sono d’accordo con il tuo giudizio su Travolta, attore che ci ha fatto ballare e sognare con le musiche della Febbre del Sabato sera e Grease, musiche ancora molto attuali. Ai tempi i giovani erano tutti Tony Manero, soprattutto nelle discoteche!

    Dopo questi due film, devo dire che è cresciuto molto ed ha interpretato benissimo anche dei ruoli drammatici. Come tanti, ha avuto una vita difficile e dolorosa, ma con coraggio si è sempre rialzato.

    Non ho visto il film da te suggerito, lo cercherò e grazie! Alla prossima.

    • wwayne ha detto:

      Hai centrato il punto: John Travolta è un grande dal punto di vista umano prima ancora che artistico, perché ha dimostrato un’immensa forza nel rialzarsi dopo aver subito dei colpi che avrebbero annientato chiunque.
      Inoltre, come hai detto tu, è invecchiato come il vino: infatti alcuni dei suoi film migliori li ha fatti negli ultimi anni, e anche come talento è migliorato moltissimo con il passare del tempo.
      Come sai ho adorato il post che hai dedicato a una punta di diamante della mia regione, quindi metto il link qua nel mio blog, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://pensieridimaryblog.wordpress.com/2020/01/29/incontri/. Grazie a te per il commento, e buona Domenica! : )

  13. Neda ha detto:

    Ho visto solo un paio di film con Travolta. Ero prevenuta quando ha girato Grease forse perché lo paragonavo a George Chakiris di West Side Story e non mi sembrava fosse all’altezza di questo attore. Ma questa era una mia idea e non pretendo venga condivisa. Avevo anche un’età in cui i film come Grease non riscuotevano certo il mio interesse. Con Travolta ricordo il film “Michael”. Forse ho visto anche qualcosa d’altro ma non ricordo. Ho cercato i titoli dei suoi film in internet ma non mi dicono nulla. Certamente non guarderei un film che ha per titolo “Nella valle della violenza” indipendentemente dagli attori che vi lavorano, come non amo i film western, i film di guerra, i film con Schwarzenegger, i film di fantasy e quelli di fantascienza. Probabilmente Travolta è un buon attore, se fosse un cane nessuno andrebbe a vedere i suoi film.

  14. Kikkakonekka ha detto:

    Io l’ho sempre visto come una brava persona.
    Non ho visto molti suoi film, ma tra essi il mio preferito è “Pelham 123 – Ostaggi in metropolitana”.
    Magari l’ho visto solo io….
    🙂

  15. marisasalabelle ha detto:

    Mi sono innamorata di John Travolta ai tempi della Febbre del sabato sera… credo che abbiamo la stessa età, tra l’altro. Andai a vederlo quasi contro la mia volontà e i miei ideali di ragazza impegnata, che non frequentava discoteche e meno che mai ballava… ma Travolta mi ha travolta in tutti i sensi. Del resto quel film è straordinario non solo per lui e per la sua straordinaria bravura di ballerino, ma anche per la fantastica colonna sonora. A un cinefilo come te voglio segnalare un film argentino del 2008, intitolato Tony Manero, il cui protagonista è un sosia di John Travolta che sbarca il lunario andando a ballare in vari locali vestito e pettinato come Tony Manero.
    Un bellissimo film con John Travolta che non è stato citato né nel post né nei commenti è Face-off, con Nicholas Cage. Non belli, ma divertenti i vari Senti chi parla, che hanno fatto tanto divertire i miei figli quando erano bambini

  16. ili6 ha detto:

    Eccomi.
    Non ho visto il film di Travolta che consigli, ma lo farò perchè dopo il tuo incipit sono ora curiosa di conoscere il finale. Saprà trovare il coraggio di ribellarsi alla mafia?
    Ho amato J. Travolta in Febbre del sabato sera e in Greese, ma anche in Senti chi parla, poi ho iniziato a seguirlo di meno, specie dopo la sua affiliazione alla setta di Scientology. Forse il suo sbandamento lavorativo (e non solo il suo) è iniziato da lì. Lo definisci un uomo coraggioso, indubbiamente è un uomo che ha sofferto e che continua a soffrire per la morte del figlio.Si leggono tante cose in giro, non so se sono vere, In quanto al coraggio: il coraggio di allontanarsi da quella setta religiosa, ad esempio?
    Ciao,
    Marirò

    • wwayne ha detto:

      Quando fai parte di una setta più che intimorito sei condizionato: probabilmente a John Travolta hanno fatto il lavaggio del cervello, e questo lo porta a non vivere come un problema il fatto che Scientology gli abbia costruito attorno una gabbia dorata.
      Mi fa molto piacere di averti incuriosita riguardo al film, e sono convinto che piacerebbe moltissimo anche a te.
      Come sai ho adorato il tuo splendido omaggio a Roma, quindi metto qui il link del tuo post, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://ili6.wordpress.com/2020/02/27/grazie-roma/. Grazie per il commento, e buona Domenica! : )

  17. Bell’articolo🙂! Hai ragione! John Travolta rimane davvero un’icona! Mi mancano molti dei suoi film da vedere, ma mi aggiornerò

  18. Animedipassaggioblog ha detto:

    Ciao 😃
    innanzi tutto ti ringrazio per avermi fatto conoscere un film che non avevo notato nel vasto carnet di questo simpatico attore, e del cinema in generale, e poi ammetto che spesso la mia simpatia nei confronti di attori, o comunque personaggi famosi, viene un po’ influenzata dal conoscere le loro vicissitudini personali che li rendono un po’ simili a noi esseri semplicemente umani…
    Non posso far altro, dopo la curiosità ispirata dalle tue parole, che cercarlo e andarlo a vedere…
    😃💙

  19. vittynablog ha detto:

    Eh, ma tu sai tutto proprio tutto sul cinema e gli attori!!! Io non sono così esperta, ecco perchè latito nei commenti. Però tante volte quello che scrivi mi incuriosisce al punto che vado a vederli certi film che consigli! Comunque Travolta lo amo, ogni suo film che ho visto mi è piaciuto. Cercherò di aggiornarmi con gli ultimi che hai menzionato. Ciao e buona serata!!!

  20. vittynablog ha detto:

    Hrazie!!! Davvero gentile!!! ❤

  21. ciliegina ha detto:

    Beh adesso mi hai messo una curiosità pazzesca 😆😆

  22. Paola Bortolani ha detto:

    Non so che dire: vi seguo a fatica, non amo molto il cinema quindi mi perdo tanti film che sicuramente meritano. Ma John Travolta è un ballerino insuperabile, e credo che quello faccia parte del suo sucesso

    • wwayne ha detto:

      Sono totalmente d’accordo: John Travolta è un artista completo, e in quanto tale eccelle in tutto quello che fa, dal ballo alla recitazione. Grazie per il commento! : )

  23. Ehipenny ha detto:

    Con John Travolta ho visto solo l’intramontabile Grease e Pulp fiction, che non mi è piaciuto all’epoca (avevo 15 anni) ma dovrei rivederlo adesso. In più scorrendo i commenti ho scoperto dettagli della sua vita che non conoscevo. Terrò a mente il titolo 😊

  24. Austin Dove ha detto:

    Sono cresciuto con il mito di Travolta, molto apprezzato da mia mamma (per il fisico più che la recitazione 🤣🤣). In grease mi è piaciuto molto e mi ha fatto ridere in hairspray.
    Ma non ho visto molti suoi film, bello anche senti chi parla

  25. Gravantes ha detto:

    Era un mio mito negli 80th, ma non conoscevo Speed Kill, lo cercherò grazie.

  26. cocoon1975 ha detto:

    Io ho il dvd di quello che credo sia il suo primo fim, dove non è il protagonista, che è “Carrie, lo sguardo di Satana”, in cui comunque si ritaglia una breve ma intensa parte. Io comunque trovo sia un attore estremamente versatile e molto bravo. Non conosco il film da te citato ma mi basti pensare a lui en travesti in “Hairspray” o nel suo meraviglioso ruolo in “Pulp fiction” per capire che sa adattarsi a qualunque ruolo e non è cosa da poco.

  27. elisafalciori rg. ha detto:

    Un attore che mi piace molto! Non vado spesso al cinema, ma un film che ricordo volentieri, è la commedia Senti chi parla del 1989. Forse mi è rimasto impresso per la voce infantile di Paolo Villaggio,e visto il tema affrontato, ho gustato nella sua interpretazione e in tutto il film, ironia e saggezza! Molto brava anche l’attrice protagonista. Un caro saluto, e a presto!

  28. thespointblog ha detto:

    John Travolta è veramente uno dei capisaldi della storia di Hollywood, uno di quei nomi che non puoi non conoscere! Iconica la foto dove balla con Lady Diana…
    E mi è difficile scegliere un ruolo specifico in cui l’ho amato maggiormente, tra Danny Zuko, Tony Manero, ecc. Però un film in cui l’ho particolarmente apprezzato sicuramente è “Due come noi” del 1983, insieme alla sua compagna storica Olivia Newton John. L’hai visto?? 🙂
    Ps: solo un tuo post riesce a farmi uscire dal mio “letargo creativo” 😄

    • wwayne ha detto:

      Confesso di non averlo visto, ma merita di essere recuperato per il solo fatto di aver riunito John Travolta e Olivia Newton – John! : )
      Le belle parole che hai speso per me mi lusingano profondamente, e le ricambio di cuore: anche tu hai un grande talento come blogger, e me lo confermi ogni volta che passo a trovarti nel tuo blog. A proposito, metto qua il link del tuo ultimo post cinematografico, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://thespointblog.wordpress.com/2020/01/27/monday-i-love-you-ilfilmdellunedi/. Grazie per il commento! : )

  29. fulvialuna1 ha detto:

    Che bello questo post!
    Concordo in pieno con te. Reputo Travolta un grande attore, ma a me piace anche come persona. L’ho amato nel film La febbre del sabato sera,ma in Pulp Fiction l’ho adorato.
    Ora mi hai fatto venire una grande curiosità, ho deciso di vedere Nella valle della violenza, di cui ignoravo l’esistenza fino al tuo post :-D. Grazie per i tuoi sempre attenti suggerimenti.

  30. pinklemon91 ha detto:

    Ciao! Scusa il ritardissimo, finalmente ho letto il tuo articolo e l’ho trovato molto bello.
    Di Travolta conosco giusto i film più famosi, ma recupererò sicuramente questa perla! 😉

  31. sherazade ha detto:

    ‘Senti chi parla!!! Delizioso con la voce di Paolo Villaggio!
    Peccato si sia deturpato con vari lifting(s)… vuoi mettere la bellezza, l eleganza e il carisma di Richard Gere – che nn hai menzionato 😔nei suoi splendori 70 anni?
    Sheraconunabbraccio

    • wwayne ha detto:

      Non l’ho menzionato perché qualche film l’ha sbagliato, e infatti non è più sulla cresta dell’onda da diverso tempo. Chiaramente gli auguro di tornarci quanto prima. Grazie mille per il tuo graditissimo ritorno nel mio blog, e un abbraccio anche da parte mia! : )

  32. natipervivereblog ha detto:

    Carissimo, quando leggo i tuoi post è come se scoprissi un mosaico sapientemente costruito, dettaglio dopo dettaglio, per farci scoprire alla fine che questo mosaico è il “mosaico della vita!”
    Ora mi soffermo su una “gemma” incastonata con le tue preziose parole: “Questi attori sono riusciti a diventare dei divi, a restare tali non soltanto per la loro bellezza, ma anche per la loro intelligenza: ognuno di loro sceglie i copioni con oculatezza e difficilmente sbaglia”
    Questo copione è semplicemente (qualcuno lo definisce “metaforicamente”), il “copione della vita!”
    Siamo noi, come veri attori, che scegliamo il nostro copione, la trama degli eventi.
    E allora ritornano le parole della frase attribuita all’autore romano Appio Claudio Cieco “L’Uomo è artefice della propria sorte!
    Qualcuno potrebbe commentare queste parole con espressioni del tipo: ” Ma come…Proprio in questo momento? Noi contro le avversità!!” Certo nessuno mette in dubbio le avversità, ma ognuno di noi ha un potere magico “quello di trasformare il dolore, le avversità, in pura Resilienza”.
    In questo modo il copione della nostra vita ci appartiene ancora di più!
    Ma a volte il “copione” non è conforme alle nostre reali potenzialità…vuoi per screzi con il destino, vuoi perché noi, in alcuni momenti, non diamo importanza a ciò che realmente siamo, ma soprattutto alla libertà della nostra esistenza che viene ribadita nella nostra “Individualità”. Sacre sono le parole del grande pittore Segantini:” La mia grande inclinazione, quella per cui lottai tutta la vita, fu per la conservazione della mia Libertà, del mio Io”
    Io le trovo a dir poco meravigliose!
    Questo straordinario attore, come sapientemente racconti, ha vissuto un’altalena si successi e di possibili tramonti, possibili declini verso l’Oblio…
    Ma chi vive di luce propria e quindi della propria libertà, mai condurrà la sua esistenza nel passo finale dell’oblio.
    E proprio per questo trovano una luce infinita le tue parole che qui riporto a riguardo dell’interpretazione di Travolta nel film “Nella valle della violenza”
    “In quel film non è neanche il protagonista, ma quei pochi minuti in cui appare sullo schermo gli sono bastati per lasciare il segno”
    Ecco il vero Artista! Protagonista dello sguardo altrui…
    Un attimo per esserci
    Un attimo per esistere per sempre!

    Un caro saluto
    Adriana

    • wwayne ha detto:

      Sono totalmente d’accordo con te: John Travolta è una stella troppo luminosa per finire definitivamente nell’oblio. Può restarci per un po’, ma alla fine trova sempre il modo di tornare a brillare. E chissà, magari un giorno brillerà così tanto da raggiungere l’Oscar che gli è stato negato in passato.
      Come sai ho adorato il tuo ultimo post, quindi metto il link qua nel mio blog, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://natipervivereblog.com/2020/02/14/ce-ancora-tanto-da-fare/. Grazie mille per i complimenti e per il commento! : )

  33. endorsum ha detto:

    visto!
    (grazie per l’endorsum 😉 tornerò presto)

  34. tachimio ha detto:

    Mio carissimo come stai? E’ tanto che non ci sentiamo. Ma sai sono stata sempre abbastanza impegnata ultimamente, per poi finire come tutti chiusa in casa. E allora eccomi qui. Non potevo non fare una puntatina qui. Come vanno le cose da te? Qui giusto oggi abbiamo avuto due casi. Speriamo bene. E’ una situazione che ha dell’ inverosimile. Sembra di vivere un film orribile. Comunque per parlare di John ti dirò, oltre che bravo lo trovo anche molto simpatico, il che penso che sia per un attore il massimo. Spero che presto si torni alla normalità mio caro. Ti abbraccio forte e alla prossima. Isabella

    • wwayne ha detto:

      Cara Isabella, mi commuove profondamente che anche in un momento difficile come questo tu abbia voluto dimostrarmi così tanto affetto.
      Da me le cose vanno bene ma non benissimo, nel senso che finora nessuno dei miei cari è stato contagiato, ma siamo comunque rinchiusi in casa fino al 3 Aprile. A me comunque questa autoreclusione non pesa granché, perché stavo molto in casa anche quando non c’era il coronavirus. Anche a livello alimentare io e la mia famiglia ci siamo procurati da tempo tutto il necessario.
      Riguardo a John Travolta, hai perfettamente ragione: quando vuole è anche un mostro di simpatia, e in Senti chi parla l’ha dimostrato benissimo.
      Come sempre, ti lascio una canzone (ovviamente tratta da Grease, “You’re the one that I want”):

      Grazie per il commento, e un abbraccio anche da parte mia! : )

  35. Norma ha detto:

    Devo dire che mi hai proprio incuriosita e ora che di tempo ce n’è un po’ di più, credo che me lo guarderò 🙂
    Ciao e buona serata!!

  36. Irene (la Gnoma) ha detto:

    Per quanto io, di lui, abbia visto solo uno o due film devo ammettere che è un’icona intramontabile!

  37. Massy ha detto:

    John Travolta…. funanbolo, grande mattatore, ironico, pungente, un amatore.

    • wwayne ha detto:

      Mi fa molto piacere che tu condivida la mia passione per questo grande attore. Tra l’altro gli aggettivi con cui l’hai descritto gli calzano tutti a pennello, in particolare il secondo: infatti, come un vero mattatore, ruba la scena a tutti anche nei film in cui appare solo per pochi minuti.
      Ho trovato molto stimolante il tuo ultimo post, quindi metto il link qua nel mio blog, nella speranza che lo apprezzino anche i miei lettori: https://menteeanima.com/2020/03/25/anti-costituzionale-o-leggitimo/. Grazie per il commento! : )

  38. Tonno Bisaccio ha detto:

    …aggiungo un’altro film francamente molto saporito, per me e altri, ma che fu ucciso non dalla velocita ma da la critica negli stati uniti- A Love Song for Bobby Long. Non ho visto Speed Kills ancora, ma lo vedro…

  39. denken00 ha detto:

    Letto e riletto, stimolante.
    Ho preso parecchie note

  40. Unamoredilibro ha detto:

    Condivido questo articolo sul mio blog perché lo trovo molto interessante. Sono d’accordissimo con te quando dici che “probabilmente non vincerà mai l’Oscar alla carriera, ma lui non ha bisogno della statuetta per entrare nella storia del cinema: il suo Oscar lo vince ogni volta che esce di casa, e si accorge che per strada c’è un ragazzino con la maglietta di Pulp Fiction o l’acconciatura di Tony Manero”. Circa “Speed Kills” non l’ho mai visto, ma da come ne parli, devo assolutamente recuperarlo!

    • wwayne ha detto:

      Sono convinto che piacerà moltissimo anche a te. E che i libri di Walter Mosley ti piaceranno ancora di più! : ) Grazie mille per il commento e per la condivisione! : )

  41. Unamoredilibro ha detto:

    L’ha ripubblicato su Un amore di libroe ha commentato:
    Buorgiorno readers! Oggi vi linko un articolo molto interessante su John Travolta, di un questo bel blog. Oltre che leggere l’articolo vi consiglio anche di fare un salto da wwayne!

  42. Hayato ha detto:

    io ho a penna visto ora il film per me è 8 https://otakugamesorg.wordpress.com/2020/07/22/speed-kills/ se vuoi vedere ^^

  43. amleta ha detto:

    Non sono un’amante dei film d’azione ma di recente ho visto “Squadra 49” con John Travolta. Un film sui vigili del fioco e la loro missiobe di salvare persone. Sono rimasta stupita e molto presa da tutto il film. E John ha un ruolo molto importante, perchè gestisce la squadra intera, e devo dire che semvrava davvero realistico tanto è stato dentro al personaggio. Ovviamente Grease è uno dei miei cult , l’ho visto da piccola tutte le volte che lo mandavano in tv, perchè amo molto la musica americana anni 50-60 😊

  44. Giacomo Ferraiuolo ha detto:

    Grazie per il consiglio! Non conoscevo questo film, ti farò sapere appena visto. Comunque Travolta è veramente un Grande Attore.

  45. ilDrago.com ha detto:

    Come mi hai suggerito in un commento sul blog, ho visto questo film: premetto che John Travolta non è tra i miei attori preferiti, né che i suoi film mi facciano impazzire e siano il genere da me preferito però non si deve giudicare senza aver visto.
    Speed Kills è un film molto gradevole anche se ci sono un paio di punti nella regia che personalmente non mi sono molto piaciuti; e se sembra banale all’inizio, poi con la trama che si infittisce diventa piacevole, scorrevole, avvincente.
    Un bel film che consiglio di vedere.
    Grazie wwayne per il suggerimento 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...