I 10 film più belli che ho visto nel 2018

All’inizio del 2018 mi ero posto un obiettivo molto ambizioso: concludere l’anno con 365 film visti, per una media perfetta di un film al giorno. Fino a Luglio sono rimasto pienamente in linea con quest’obiettivo; poi ad Agosto mi è venuta la nausea, e quindi da allora non ho visto quasi più niente. Nonostante questo rallentamento, il 2018 resterà l’anno in cui ho guardato più film in assoluto: ad oggi sono ben 212. Nei commenti condividerò con voi la lista completa.
Avendone guardati così tanti in così poco tempo, temevo che con il passare degli anni avrei finito per scordarmeli tutti, anche i più belli. Per evitare questo ho deciso di “salvare” almeno i migliori 10, elencandoli in questa classifica: spero che vi piaccia.

10) Mystic Pizza: Come spesso succede, i film più semplici sono anche i più riusciti.

9) Hostiles – Ostili: Un film con pochissimi dialoghi e molti primi piani di Christian Bale: giusto così, perché le sue espressioni dicono più di mille parole. Qui offre una delle sue migliori interpretazioni, e duetta alla perfezione con tanti altri fantastici attori.

8) Uomini violenti: Ci sono tanti personaggi interessanti, le loro vicende si incastrano tutte perfettamente, e quando lo sceneggiatore tira le fila della storia lo fa con una precisione e un’intelligenza senza pari.

7) Endgame – Bronx lotta finale: Bazzico poco la fantascienza, ma di questo genere apprezzo molto la possibilità di far immergere lo spettatore in un universo fuori dalla realtà, in un mondo che prima del film esisteva solo nella testa dello sceneggiatore e poi è diventato di tutti. L’universo di questo film è molto affascinante, e anche la storia ti tiene incollato allo schermo fino all’ultima scena: ricordo che rimandai il pranzo pur di non mettere in pausa il dvd.

6) Bronx: Robert De Niro si è pesantemente ispirato al suo maestro Scorsese per la sua prima regia, e il risultato è stato davvero memorabile.

5) Nella tana dei lupi: 50 Cent è una garanzia: quando c’è lui nel cast, puoi star certo che ti godrai un film d’azione più tamarro che mai. Qui però oltre alla tamarraggine c’è anche una sceneggiatura molto coinvolgente, e il carisma di Gerard Butler rende il tutto ancora più trascinante.

4) Bent – Polizia criminale: Vidi il trailer di questo film 15 giorni prima dell’uscita, e capii fin dal primo istante che sarebbe stato un film gigantesco. Di conseguenza quei 15 giorni di attesa furono più snervanti che mai, e quando alla fine arrivai in sala ero contento come un bambino la mattina di Natale. Il film ripagò in pieno le mie altissime aspettative, e tuttora ritengo che sia uno dei migliori polizieschi che abbia mai visto.

3) Four Brothers – Quattro fratelli: In un ironico post di qualche mese fa vi ho confessato la mia passione viscerale per Sofia Vergara. Questo è uno dei tanti film che ho guardato esclusivamente per la sua presenza, e porca miseria se ho fatto bene: il film è più bello di lei, e questo è davvero tutto dire.

2) Fire Squad – Incubo di fuoco: Quando gli americani decidono di fare un film epico, riescono a farti emozionare come nessuno al mondo. Questo film trasuda epica dal primo all’ultimo minuto, e quindi vederlo è più che un piacere: è un vero e proprio privilegio.

1) Una stagione da ricordare: Questo non è solo il miglior film del 2018, è proprio uno dei migliori film nella storia del cinema: se deciderete di guardarlo, continuerete a pensarci sopra per giorni e giorni dopo averlo visto, e vi emozionerete moltissimo ogni volta.

Menzione onorevole: Bohemian Rhapsody. Anche il film più brutto, se costellato da canzoni dei Queen ad intervalli regolari, ha delle grosse chances di diventare un mezzo capolavoro. In questo caso poi c’è anche un attore protagonista che riesce a fare l’impossibile, ovvero replicare il carisma di Freddie Mercury. Se non l’ho messo nella Top 10 è stato soltanto perché il regista di Mystic Pizza è riuscito a sfornare un filmone senza poter contare su tutti questi optional, e quindi a mio giudizio meritava maggiormente di stare tra i migliori 10.

E voi? Quali sono i film più belli che avete visto nel 2018?

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 224 commenti

Ti amo ancora Elisa

Quando finii di studiare, per trovare un lavoro dovetti emigrare fino in Liguria. Per me, ragazzo della provincia toscana che non sapeva cucinarsi nemmeno un piatto di pasta, fu un trauma non da poco dover andare a vivere da solo nel giro di pochi giorni, peraltro in un posto così lontano da casa. Tuttavia mi adattai rapidamente a quel cambiamento, perché mi innamorai della Liguria dalla prima volta che ci misi piede: il posto era splendido, si mangiava bene ovunque e anche le persone, dopo un’iniziale freddezza, cominciarono a donarmi tanto affetto e tante attenzioni.
Ogni Venerdì prendevo 3 treni per tornare a casa, e il più lungo dei 3 era quello che andava da Genova a Firenze. Non ero l’unico a prendere abitualmente quel treno: lo prendeva anche una ragazza molto carina, che saliva a La Spezia e scendeva a Pisa.
Ve lo confesso: anche con lei fu un vero colpo di fulmine. A colpirmi non era tanto la sua bellezza, quanto il suo atteggiamento: quando mi sedevo vicino a lei per chiacchierare, Elisa sembrava sinceramente contenta di vedermi, e mi trattava con una dolcezza che mi faceva innamorare di lei ogni volta di più. Ma era un amore destinato a rimanere insoddisfatto, perché era già fidanzata: per altri questo non sarebbe stato un problema, ma per me era un impedimento morale fortissimo, che mi imponeva di “guardare ma non toccare”, starle vicino ma senza mai iniziare un vero corteggiamento.
Con il tempo la nostra chiacchierata del Venerdì diventò un appuntamento fisso. Ricordo ancora l’emozione che mi prendeva quando mi rendevo conto che la prossima stazione sarebbe stata La Spezia, e ricordo anche che, quando il treno si fermava lì, subito scendevo e mi guardavo a destra e a sinistra, ansioso di scovare Elisa in mezzo alla folla e chiamarla verso di me. E quando la individuavo, ogni volta mi illuminavo come se mi fosse apparsa la Madonna.
Elisa sicuramente si era accorta che mi ero innamorato perso di lei, ma questo non condizionò in negativo il nostro rapporto: sia perché aveva capito che non ci avrei mai provato con lei, sia perché la cosa sembrava lusingarla anziché metterla in imbarazzo.
Purtroppo la nostra piacevolissima routine non durò a lungo: dopo un anno trovai un lavoro più vicino a casa, quindi dovetti abbandonare la Liguria e tutte le persone stupende che mi aveva fatto conoscere.
Per molti altri rapporti questo sarebbe stato un colpo mortale, ma per fortuna io ed Elisa abbiamo resistito. Ci vediamo una volta all’anno (quando torno in Liguria per le vacanze estive), e ci sentiamo anche qualche volta per telefono. Purtroppo è ancora fidanzata, ma in merito a questo vi faccio una promessa: il giorno in cui dovesse dirmi “Mi sono lasciata con il mio ragazzo”, io non è che vado a La Spezia: io VOLO a La Spezia, e risolverò finalmente questo punto in sospeso che mi porto dietro da ormai 3 anni.
Come avrete intuito, Elisa è stata una delle tante donne con cui non ho concluso nulla, ma che hanno comunque lasciato un segno profondissimo nel mio cuore e nella mia vita. Ho già raccontato esperienze simili nel mio blog (quando vi ho parlato di Teresa e di Valeria), ma tra tutte loro Elisa è stata senza dubbio quella per cui ho provato l’attrazione più forte.
Ebbene, il mese scorso ho letto un romanzo che, se non fosse impossibile, direi che è palesemente ispirato al rapporto tra me ed Elisa. Il libro in questione si chiama Il treno delle 7:48, ed è stato scritto da Marco Gritti: a lui rivolgo un gigantesco grazie, perché anche se non ci conosciamo mi ha fatto rivivere una delle esperienze più piacevoli della mia vita. Il minimo che possa fare per ricompensarlo è consigliarvi di leggere anche voi il suo dolcissimo romanzo: non ve ne pentirete.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 229 commenti

Venom

Nel 2011 uscì Warrior. Era un piccolo film che all’inizio passò quasi inosservato, forse perché si focalizzava su uno sport (le arti marziali miste) che non ha lo stesso pubblico del calcio o del basket. Pensate che, nonostante fosse costato pochissimo, riuscì comunque ad andare in perdita: era costato 25 milioni e ne incassò 23.
Poi qualche mese dopo il colpo di scena: l’Academy decise di tirar fuori il film dal dimenticatoio, candidandolo agli Oscar del 2012. Questo regalone dette a Warrior una visibilità enorme, che portò molti spettatori (me compreso) a vederlo sull’onda della curiosità. Da quel momento in poi le sorti del film cambiarono da così a così: adesso Warrior è diventato un cult, e su imdb si è piazzato al 151mo posto tra i migliori film di tutti i tempi (almeno stando ai voti degli utenti).
L’Academy cambiò non soltanto il destino di Warrior, ma anche la carriera del suo protagonista: infatti Tom Hardy passò dall’essere un totale sconosciuto al diventare uno degli attori più richiesti di Hollywood. Fu grazie a quel film che ottenne il ruolo di Bane nel Batman di Nolan, e da lì in poi la sua carriera ha conosciuto un’ascesa pazzesca e inarrestabile.
Ve lo dico sinceramente: Tom Hardy non è uno dei miei attori preferiti. Apprezzo di più gli attori paciocconi, con il sorriso sempre sulle labbra, quelli che se abitassero nel tuo quartiere li inviteresti a cena un giorno sì e l’altro pure. Tom Hardy invece ha l’aria di uno che non sorriderebbe nemmeno a Irina Shayk, e se fosse il mio vicino di casa lo saluterei per educazione e nient’altro. Tuttavia, gli riconosco un talento senza pari: è il classico attore che riempie lo schermo, un po’ per la sua imponenza fisica, un po’ perché con il suo carisma riesce ad attirare l’attenzione su di lui anche quando recita in un ruolo di contorno.
Era quindi l’uomo perfetto per interpretare Venom, uno dei personaggi più magnetici di tutto l’universo Marvel. Il connubio ha partorito un cinecomic che, più che un film, è una spudorata scopiazzatura di almeno 5 film diversi: infatti la storia si basa su un alieno che si unisce a un umano (Alien) e tira fuori la sua parte più oscura (Dr. Jekyll e Mr. Hyde). Poi l’alieno passa a fare una visitina anche alla sua donna, trasformandola a sua volta in un mostro (La moglie di Frankenstein). E quando i newyorkesi si accorgono dell’esistenza di quest’alieno, cercano di risolvere il problema sparandogli addosso con tutti i pistoloni possibili e immaginabili (come in qualsiasi film d’azione degli ultimi 30 anni).
Dal mio tono potreste pensare che Venom mi abbia irritato, e invece mi è proprio piaciuto: infatti, nonostante la sua totale mancanza di originalità, il film mantiene un ritmo alto dal primo all’ultimo minuto, e ogni tanto riesce anche a piazzare qualche scena da antologia (bellissima quella dell’inseguimento in moto).
E poi c’è lui, Tom Hardy. Riesce ad essere fighissimo non solo con il costume di Venom, ma anche “in borghese”: quando l’ho visto sfrecciare sulla moto con il giacchetto di pelle e i Ray – Ban neri d’ordinanza come Renegade, la mia anima tamarra ha raggiunto delle vette di estasi che non toccavo dai tempi de I mercenari 3.
Venom resterà nella storia del cinema? Assolutamente no. Non resterà nemmeno nella storia dei cinecomics. Ma se avete voglia di godervi un film che vi faccia volare sulle montagne russe dal primo all’ultimo minuto, scegliete Venom: non rimarrete delusi.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 150 commenti

Un’atmosfera perfetta

Sofia Vergara con il marito (mortacci sua…)

Mi piace Sofia Vergara.
Mi piace quando sorride, perché in quel momento sento gli uccellini cantare a Primavera anche se ci sono 10 gradi sotto zero.
Mi piace quando fa l’occhiolino, perché quel gesto così sexy mi fa ribollire il sangue come se mi stessero friggendo in padella.
Mi piace quando balla, perché quando le sue curve ondeggiano al ritmo della musica ti rendi conto che quella canzone sembra scritta apposta per lei, e che stai assistendo ad uno spettacolo di cui ti ricorderai anche quando avrai i capelli bianchi come Geppetto.
Ora, immaginatevi che mi capiti per le mani un film in cui Sofia Vergara fa TUTTE queste cose. E immaginate anche che il regista, non contento di aver ingaggiato una simile strafiga, decida di raddoppiare la posta infilandoci anche Scarlett Johansson. Può venir fuori un brutto film? Ovviamente no! : )
Il film in questione è Chef – La ricetta perfetta. Parla di un cuoco che decide di licenziarsi dal ristorante in cui lavora, e di rimettersi in gioco mettendo su un baracchino di street food. Dopo un po’ assume la mia beniamina come cameriera, e lei ripaga in pieno la sua fiducia: i clienti la adorano, perché la sua simpatia crea un’atmosfera festosa che contagia chiunque le stia vicino.
Come avrete intuito, è proprio l’atmosfera il punto di forza di questo film. Guardare Chef – La ricetta perfetta è come stare seduto ad un tavolino sul lungomare, e sorseggiare un mojito insieme alle persone più piacevoli che tu riesca ad immaginare. In quel momento non vorresti essere da nessun’altra parte, e vorresti che quel momento perfetto non finisse mai. Ma tutte le cose belle finiscono. Un giorno finirà anche la bellezza di Sofia Vergara. Nel frattempo, spero che faccia tanti altri film incantevoli come questo.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 159 commenti

Noi due

In tutti i gruppi c’è almeno un ragazzo più festaiolo del normale. E’ quel tipo che non manca a un aperitivo neanche se lo fissano a 50 km da casa sua, ha sempre una birra in mano (e altre 5 pronte all’uso), se lo inviti a una festa in piscina ci si butta vestito, e spesso si sveglia dopo una notte di bagordi senza avere la più pallida idea né di dov’è né di come ci è finito. Non è quasi mai un cattivo ragazzo, ma semplicemente uno a cui piace vivere con il piede sempre schiacciato sull’acceleratore. Un mio carissimo amico ha vissuto in questo modo per anni interi: adesso ha messo la testa a posto e ha aperto una macelleria, ma non è passato molto tempo da quando faceva questa vita spericolata.
Anche Ludovica ha un’amica così: è la sua storica compagna di banco del liceo, Caterina, con la quale è rimasta in contatto anche dopo aver finito le superiori. Se Caterina presenta tutte le caratteristiche che vi ho elencato prima, Ludovica invece è la classica ragazza posata, equilibrata, metodica, la cui vita non ha mai una virgola fuori posto o un passaggio non programmato. Nonostante le differenze tra di loro Ludovica e Caterina sono unitissime, e lo restano anche quando accadono delle peripezie che metterebbero a dura prova anche la più solida delle amicizie. Come avrete intuito, Ci vediamo un giorno di questi di Federica Bosco si focalizza soprattutto sul loro legame unico, ma ci sono almeno altri due punti di forza:

– Le peripezie di cui vi parlavo prima, che arrivano sempre totalmente inaspettate e sbalordiscono il lettore più e più volte nel corso del libro;
– I personaggi di contorno, che rimangono sempre in secondo piano rispetto alle due protagoniste, ma sono così interessanti e divertenti che meriterebbero un libro tutto per loro.

Ho comprato questo romanzo soprattutto perché era ambientato in Liguria, e quindi speravo che mi aiutasse a lenire la nostalgia che provo per questa bellissima regione: ci è riuscito in pieno, perché nomina tanti posti che mi porterò nel cuore per sempre. E lo stesso vale per questo splendido libro.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 131 commenti

I 10 film più belli consigliati da Lapinsù

Io e Lapinsù (ce piacerebbe…)

Questo mese il mio blog compie 10 anni. Avrei potuto festeggiare il lieto evento con un post autocelebrativo, invece preferisco spostare i riflettori su un blogger molto più bravo di me: Lapinsù. Ecco i 10 film più belli che ho scoperto grazie a lui.

10) Terapia d’urto: Adam Sandler è una delle grandi passioni di Lapinsù. Probabilmente, se potesse scegliere tra cenare con lui o con Kate Upton, prenderebbe il primo senza neanche pensarci troppo. Io invece lo conosco pochissimo, ma in questo film mi ha fatto spanciare dalle risate.

9) Killing me softly: Io e Lapinsù abbiamo gli stessi gusti non solo in fatto di cinema, ma anche in fatto di donne. Heather Graham in particolare è un’attrice per cui stravediamo entrambi: di conseguenza, quando mi ha detto che questo era il suo film più scollacciato, mi sono fiondato a vederlo alla velocità della luce. Killing me softly ha anche una bella trama, ma ero così distratto dalle grazie di Heather Graham che me ne sono accorto solo la seconda volta che l’ho visto.

8) Lo stagista inaspettato: Lapinsù non ama soltanto le bellezze esagerate e appariscenti: come me, si lascia irretire anche dalle ragazze della porta accanto, quelle che ti fanno sciogliere come un ghiacciolo con la loro irresistibile dolcezza. Anne Hathaway è forse l’attrice più bella al mondo ad avere questo profilo, e quindi Lapinsù si guarda per principio tutti i suoi film. Compreso questo, che anch’io ho apprezzato così tanto da dedicargli un post.

7) The Nice Guys: Io e Lapinsù siamo entrambi cresciuti con i buddy movies. Nei film di questo genere c’erano due uomini (quasi sempre dei poliziotti) totalmente opposti tra loro: i due erano costretti a lavorare insieme per un breve periodo, durante il quale prima si odiavano, poi sviluppavano un certo feeling e alla fine si volevano bene come fratelli. Erano film in cui c’era la giusta dose di tutto: azione e comicità, botte e buoni sentimenti. Di recente i buddy movies sono tornati alla ribalta, e The Nice Guys è senza dubbio il film simbolo di questa rinascita: ha fatto flop al botteghino, ma ha fatto centro nei nostri cuori.

6) Nonno scatenato: Per alcuni questo film è la prova definitiva del declino di Robert De Niro: a molti infatti è sembrato inaccettabile che lui sprecasse il suo tempo e il suo talento in un film così dichiaratamente demenziale. Secondo me e Lapinsù invece il buon Robert ha preso un’ottima decisione: magari Nonno scatenato sfigura rispetto ai film che ha fatto con Martin Scorsese e Sergio Leone, ma nella sua voluta ignoranza riesce a far ridere fino alle lacrime. Il classico guilty pleasure.

5) Edge of Tomorrow: Tom Cruise fa sempre lo stesso ruolo da vent’anni: l’eroe che salva il mondo. La ripetitività dei suoi film, unita alla scarsa simpatia (eufemismo) dell’attore, mi ha indotto a evitare praticamente tutto ciò che ha fatto da Mission Impossible in poi. In questo caso ho fatto un’eccezione, perché Lapinsù l’aveva inserito addirittura tra i migliori film del 2014: non aveva esagerato.

4) Accident Man: Nella maggior parte dei film d’azione, la sceneggiatura è un mero pretesto per dare al protagonista l’occasione di fare l’eroe che spara – mena – ammazza e già che c’è si carica in spalla anche una damigella in pericolo. Poi capitano degli action movies come Accident Man, dove la sceneggiatura è molto più intelligente, curata e riuscita di tanti presunti film d’autore.

3) Ex machina: Non amo molto la fantascienza: per questo motivo, ho accettato di vedere questo film soltanto dopo che Lapinsù me l’ha consigliato almeno una decina di volte. Ebbene, ammetto che la mia titubanza era del tutto ingiustificata: Ex machina è uno di quei film fatti così bene da riuscire ad andare oltre il loro target, attirando anche degli spettatori che di norma la fantascienza non la considerano neanche di striscio.

2) Annientamento: Il regista è lo stesso di Ex machina, e il genere è sempre la fantascienza; tuttavia le somiglianze si fermano qui, perché Annientamento ha una trama, un’ambientazione e dei temi di fondo molto diversi. Anzi, in realtà un’altra analogia c’è: entrambi i film sono di una bellezza sconfinata, e ti rimangono in testa per giorni dopo che li hai visti.

1) Bleed – Più forte del destino: Sapevo che mi sarebbe piaciuto, perché quello tra il cinema e il pugilato è davvero il matrimonio perfetto; tuttavia, mai avrei immaginato di trovarmi davanti una simile perla.
A rendere Bleed così piacevole non è soltanto il grintosissimo protagonista (che da solo sarebbe bastato e avanzato per fare un grande film), ma anche i personaggi di contorno, che sono uno più interessante dell’altro. Su tutti spiccano i suoi genitori: il padre in particolare ha un carisma unico, è il classico comprimario che finisce per surclassare il protagonista.

E voi? Quali sono i migliori film che avete visto grazie al consiglio di un blogger o di un amico?

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 204 commenti

Niente può fermarci

Quando penso alla mia infanzia, tutti i miei ricordi più belli sono legati alle mie vacanze estive in Romagna. Ricordo ogni minimo particolare delle giornate che ho passato lì: le mattine in cui mi svegliavo presto, e aspettavo con impazienza che si alzassero anche i miei genitori per andare sotto l’ombrellone; i pomeriggi trascorsi a passeggiare senza mai allontanarsi troppo dalla spiaggia, perché altrimenti non avrei più sentito l’odore del mare; le serate in cui mi meravigliavo ogni volta di quanto fosse vitale la Romagna, una terra in cui la notte era uguale al giorno, e anzi di notte le persone sembravano perfino più allegre.
Uno in particolare era il mio momento preferito: la pausa lettura. I miei genitori mi facevano pranzare all’una, e ovviamente mi impedivano di fare il bagno fino alle quattro: così avevo 3 ore da dedicare a quello che è tuttora il mio passatempo preferito, i fumetti. Fu grazie a quelle giornate romagnole che mi innamorai dei supereroi Marvel, molti anni prima che li scoprisse anche il resto del mondo: sembra incredibile, ma a quei tempi nessuno sapeva chi era Black Panther, e perfino Iron Man era un personaggio di nicchia.
Un’altra folgorazione arrivò quando lessi il mio primo Diabolik: per la prima volta scoprii che si può tifare anche per il cattivo, che il villain non è sempre un odioso malfattore da detestare, ma anzi può perfino risultare simpatico. Anche se, va detto, neanche al suo meglio Diabolik risulta simpatico quanto gli squinternati protagonisti de La truffa dei Logan.
Questo film ruota attorno a 3 fratelli: Jimmy, Clyde e Mellie. Il primo è stato licenziato per questioni burocratiche, il secondo è un militare in congedo e la terza è insoddisfatta del proprio lavoro come parrucchiera. Tutti e 3 sentono il bisogno di cambiare in meglio la propria vita, e Jimmy ha un’ideuzza niente male per svoltare: organizzare una rapina al circuito automobilistico di Charlotte, North Carolina. E ovviamente questa rapina non dovrà avvenire in un fine settimana qualunque: i 3 hanno scelto di fare il colpo durante l’evento più danaroso dell’anno, la Coca Cola 600 Motor Race.
Se nel primo tempo La truffa dei Logan bada soprattutto a presentarci i personaggi (che sono uno più figo dell’altro), nel secondo si concentra soprattutto sulla rapina, ed è qui che il film dà il meglio di sé: i colpi di scena si susseguono ad un ritmo forsennato, e lo spettatore rimane a bocca aperta più e più volte, perché la sceneggiatura ha delle trovate davvero geniali ed imprevedibili.
Sono andato a vedere questo film per puri motivi ormonali: nel cast c’era Hilary Swank, la cui bellezza mi fa sciogliere le ginocchia soltanto a pensarci. Qui interpreta una detective intelligentissima, un ispettore Ginko in gonnella che con il suo intuito rischia seriamente di rovinare i piani dei protagonisti. Chi avrà la meglio, la mia Hilary o i simpaticissimi fratelli Logan? Non posso dirvelo, naturalmente. Posso solo consigliarvi di vedere La truffa dei Logan: ne sarete deliziati.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 128 commenti